La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Ferruccio Maria Fata    Sabato 29 Gennaio 2011 00:05    Stampa
Isole Tremiti: «Heaven is for Heroes»
Isole Tremiti - Politica Tremiti

Elicottero in decollo da S.Domino (foto C.L. Smoke)SAN DOMINO _ «Il paradiso è per gli eroi». Potrebbe apparire una visione eccessiva, ma chi non ha modo di conoscere l’altra faccia di un eden smarrito rimane incredulo trovandosi a confronto con la realtà impietosa della vita sulle Isole Tremiti nella stagione più inclemente. La pace apparente riconduce all’evidenza le tre priorità bisognose di cura più impellente. Riguardano in sintesi l’assetto sociale, l’organizzazione delle attività produttive, la conservazione dell’ambiente naturale.

Il rigore delle intemperie, le avversità dell’inverno in una terra disorganizzata, le troppe case deserte non allietano certamente la condizione dei veri tremitesi, gli autentici eroi ai quali dedico queste mie riflessioni. Essi vivono abbracciati sempre più al proprio luogo quando la maggioranza degli imprenditori, ormai paga dei realizzi economici estivi,  abbandona il campo per dimore più ospitali e confortevoli nelle vicine terre del Molise o di Puglia. L'incedere dell'inverno ha ricondotto le varie attività isolane al consueto letargo stagionale, accantonando l'attenzione per le piaghe peggiori, che proprio in questo periodo potrebbero invece trovare opportuno spazio per essere affrontate con la seria programmazione di drastiche iniziative. Oramai anche il Consiglio Comunale, divenuto privo di una solida maggioranza, non riesce più a deliberare in merito a questioni palpitanti come la variante al Piano regolatore e la conservazione delle aree verdi.

In tutto questo i suddetti eroi, la parte nobile dei tremitesi, testimoniano come il punto di partenza decisivo per una collettiva rinascita risulti proprio la modifica di quel presupposto divenuto consuetudine, un autentico virus generalmente riconducibile all'attenzione primaria riservata troppo spesso  da ciascun individuo al proprio interesse spicciolo. E’ frutto di una mentalità che ferisce chiunque si ritrovi animato nel sentimento di solidarietà incrollabile verso quella comunità isolana davvero sorprendente per operosità, ingegno e  sacrificio. E’ ben certo che il generico attaccamento di ognuno ai frutti del proprio lavoro non possa disgiungersi dalla consapevolezza dei benefici connessi alla coesione delle varie forze produttive. I  generosi Saggi delle Isole,  quegli umili eroi poco visibili perché disattesi e trascurati, possono insegnare che una rinnovata impostazione intellettuale nel senso della correzione suddetta si tradurrebbe in progressivi vantaggi propulsori a loro volta di evoluzione civile ed economica. La maturazione straordinaria di benefici effetti può scaturire da cambiamenti realizzabili nello specifico pur lasciando praticamente intatte le risorse  dei singoli e il loro rispettivo rendimento.

Allo stato attuale si rivela più che mai necessario il riemergere della coscienza etica quale roccaforte del ritrovato impulso,  una bussola preziosa per indicare il cammino mirato a un futuro luminoso, quella luce splendida che accende in ogni angolo del mondo civile la speranza di costruire un ambito promettente per le generazioni a venire. In fondo, le strade capaci di favorire la costituzione di modelli sociali più evoluti fanno sempre capo al medesimo principio elementare. Lo prescrive senza mezzi termini la ragione: costituire corpo unico, formare una forza veramente attiva, efficace, insuperabile forse, capace di rigettare i limiti dell'egoismo cieco. E' una concezione impossibile a edificarsi sull'invidia, pericoloso cancro la cui estensione patologica ha imperversato a lungo incontrastata nell'aura che avvolge le splendide Isole. Mi è già occorso in passato di affrontare questo tema, sempre il medesimo. Pare assurdo, ma la realtà nella quale programmare strategie di cambiamento radicale si rivela essere proprio la mentalità dei residenti privilegiati, sempre più arroccati nella  precarietà di un’ideale fortezza dai fragili vantaggi.

Abbattere l'invidia, dunque, e con essa la maldicenza che ne è figlia primogenita. La parte nobile della popolazione isolana si mostra sempre più convinta della necessità di affrontare le più gravi emergenze con rinnovato spirito solidale, il solo che consenta di accarezzare ora quell’ideale di rinascita troppo a lungo vagheggiato. Alla lunga non si prospera certo guardando soltanto alle proprie «bottegucce» senza neppure considerare la necessità di unirsi per creare una vera forza,  sana ed efficiente ad ogni livello, mirata al fine primario del bene comune.

In sintesi, occorre migliorare lo stato dei vari settori che producono ricchezza. 
Le imprese commerciali, le tradizionali attività marinare, le strutture ricettive la cui economia è regolata dal turismo hanno bisogno di organigrammi precisamente congegnati. Innanzi tutto un'associazione turistica, come regolarmente avviene senza eccezioni a livello nazionale in tutti i comprensori, da quelli maggiori fino ai più piccoli. Al momento non esiste manco una Pro Loco, o meglio essa è stata creata per risultare quindi bellamente accantonata, senza che abbia mai potuto produrre efficienti attività.  Un sodalizio che raccogliesse tutte le imprese interessate al turismo non è impossibile, né risulterebbe troppo costoso, se razionalmente gestito.

Il cambiamento auspicato abbraccia in primo piano la tradizione, l'ambiente, la sopravvivenza stessa degli ultimi rappresentanti di un mondo sempre più ricco di fascino e di messaggi coinvolgenti dal quale tutti si sentono trascinati con dolcezza verso un messaggio di rinnovamento spirituale. Nella fattispecie, i cittadini continuano in effetti ad augurarsi uno serio dibattito a vari livelli, con il contributo determinante dell’ amministrazione civica. Ma gli argomenti scomodi vengono sovente sorvolati da quei politici che dovrebbero farsene carico con scrupolosa coscienza. 
Le navi traghetto perdono i pezzi, le compagnie di navigazione vedono i bilanci sempre più tesi ad un profilo disastroso, le prescrizioni del Parco Gargano a salvaguardia del patrimonio ambientale delle Isole vengono di continuo insidiate dai «bottegai della cementificazione», le acque marine risultano seriamente inquinate da rifiuti tossici, l’ambiente naturale trascurato e addirittura minacciato dalla speculazione. E' così che i luoghi monumentali della nostra madre terra - soprattutto gli autentici santuari della natura e della storia -, potrebbero risultare profanati non solo dalla distratta indifferenza dell'uomo comune, ma soprattutto dal cinismo bieco che spesso impera nella politica. Troppe volte mi sono ritrovato a rilevare come all'interno della politica stessa, pressoché ridotta a mestiere, si sia gradualmente generato un progressivo detrimento, divenuto via via insanabile.
E' andato purtroppo dissolto il contenuto etico del pensiero che rappresentava un tempo la prerogativa nobile dell'uomo pubblico, mentre nell'immaginario volgare abbiamo visto il termine "politica" ridursi al rango di squallida parolaccia.

A completare lo scenario -  ciliegina sulla torta – resta memorabile quella curiosa sortita del Sindaco delle Isole Tremiti Giuseppe Calabrese che in un recente passato aveva proposto al proprio omologo di Termoli Antonio Di Brino addirittura un pronto ripristino del collegamento con elicottero tra Termoli e le Isole Tremiti. Di Brino avrebbe raccolto l'invito sottolineando il proprio parere favorevole all'iniziativa. Peccato (o fortuna) che la decisione non spetti a loro due. Altrimenti potrebbero quanto meno riflettere sul particolare genio organizzativo dell'idea in questione.
Se da un lato si potrebbe inquadrare l’atteggiamento del Sindaco termolese sotto il profilo di una generica simpatia benevolmente solidale nei confronti del collega isolano, riuscirebbe d’altro canto più complesso individuare da parte di quest’ultimo specifiche motivazioni ragionevolmente mirate al bene comune.
Allo stato attuale, non pare proprio frutto di eccezionale intuito economico voler istituire un servizio di elicottero Termoli-Isole Tremiti. Infatti, con la principale società di navigazione sull'orlo del fallimento malgrado le centinaia di passeggeri e le tonnellate di merci trasportate, si dovrebbe piuttosto porre attenzione ferma a conservare perlomeno l'attuale frequenza dei traghetti, evitando nel contempo gli aumenti tariffari più volte  ventilati dalle Autorità competenti.
Quale possibilità intravedono i due sindaci dirimpettai per una iniziativa tanto coraggiosa quanto avventuristica come quella della nuova linea di elitrasporto vagheggiata? 
Riflettiamo seriamente! Certe questioni vitali non sono pertinenza privata dell'interesse di poche "famiglie" locali, ma riguardano tutta la nazione cui appartengono le Isole Tremiti, “patrimonio dell’umanità”, ivi compresi quei cittadini che vengono qualificati da certi tremitesi con lo spassoso appellativo di "esterni".

Tanto per cominciare, perché non impegnarsi piuttosto ad attuare in primis politiche ambientali efficaci al fine di sopprimere almeno un paio di emergenze che si profilano come autentiche vergogne mondiali? Ad esempio, ripulire il mare dai veleni affondati, e le Isole di San Domino e San Nicola dalle cataste di rifiuti e immondizie. 

mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)
 

myNews.iT - Commenti  

 
# Come è profondo il mareOrgoglio Tremitese 01-02-2011 alle ore 22:42
Mi risulta che il problema dei rifiuti in mare è tenuto sotto controllo dai carabinieri dei NOE gruppo subaquei che ogni anno nel periodo tra Maggio e Giugno vengono alle Tremiti con le loro attrezzature. Quindi, mi spieghi cortesemente stimatissimo dottor Fata questi carabinieri subaquei sulle nostre isole vengono a fare il bagno? Credo che la dove avessero trovato una situazione di pericoloso degrado avrebbero sicuramento lanciato loro l'allarme. Spero che i suoi articoli non cadano nel pensiero comune di pochi anziani isolani che vorrebbero le isole tutte per loro in quanto con questi articoli lei ammazza il turismo e di conseguenza la ns già precaria economia. Cordialmente ringrazio e saluto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Inchiesta Rainews24Tremitese DOC 02-02-2011 alle ore 13:41
Eden V
Le navi ed i loro rifiuti affondati al largo del Gargano.

www.youtube.com/.../
www.youtube.com/.../
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Il vero ProblemaOrgoglio Tremitese 02-02-2011 alle ore 23:32
L'unico grande problema delle Tremiti è appartenere alla maglia nera d'Italia ovvero Foggia, nulla finchè continueremo a raccogliere provinciali esperti in manipolazioni,. .. e quant'altro trovera soluzione. La vicinanza con il Gargano non ci aiuta affatto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# LA TRAGEDIA DELLE TREMITIDifesa della Verità 03-02-2011 alle ore 17:03
Tutti sanno che i Carabinieri dei Nuclei Operativi Ecologici hanno mansioni di controllo e documentazione. La bonifica dovrebbe avvenire poi da parte delle autorità competenti.
Ogni anno si rinnova inutilmente (e si ributta in fondo al mare) l'allarme per la presenza di materie chimiche, pericolosi veleni e avanzi tossici affondati in quantità nelle acque che bagnano Pianosa.
ATTENZIONE, si sono rilevate MUTAZIONI GENETICHE nei pesci. Rischiamo di nutrirci con sardine all'arsenico.
La tragedia delle Tremiti è la totale mancanza di sensibilità sociale di molti in omaggio al principio "prendi i soldi e scappa".
Tipica la reazione incosciente d'insultare chi cerca di avvertire la comunità sui veri pericoli correnti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alcune persone lucranoaffari 08-02-2011 alle ore 11:33
Ci sono delle persone che dietro questi problemi lucrano e giocano sporco...indaga te
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Cronaca

Cronaca Termoli | 27 Giugno 2017

Parcheggi Blu(ff) sul lungomare?

TERMOLI - Alcune volte le scelte di questa amministrazione si scontrano con le normative vigenti e, per porre rimedio, o ...

Altri Articoli: Cronaca Termoli, Cronaca Campomarino, Cronaca Montenero - Petacciato, Cronaca Tremiti, Cronaca Molise, Cronaca Larino

Politica

Politica Molise | 27 Giugno 2017

Fascicolo sanitario elettronico, attivato il servizio

Frattura: aderire è utile a tutti gli assistiti CAMPOBASSO - Il fascicolo sanitario elettronico (Fse) diventa ...

Altri Articoli: Politica Termoli, Politica Campomarino, Politica Montenero - Petacciato, Politica Tremiti, Politica Molise, Politica Larino

Sport

Sport Termoli | 11 Giugno 2017

Tutto pronto per il Palio del Mediterraneo

TERMOLI – È tutto pronto per il “Palio del Mediterraneo” che si svolgerà a Termoli ...

Altri Articoli: Sport Termoli, Sport Campomarino, Sport Montenero - Petacciato, Sport Tremiti, Sport Molise, Sport Larino

Turismo

Turismo Termoli | 27 Giugno 2017

Cocco Bello e stai fresco aspettando l'estate termolese

TERMOLI - Anche quest'anno, ormai giunti alla fine del mese di Giugno, il cartellone della ...

Altri Articoli: Turismo Termoli, Turismo Campomarino, Turismo Montenero - Petacciato, Turismo Tremiti, Turismo Molise, Turismo Larino