La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Ferruccio Maria Fata    Giovedì 24 Febbraio 2011 23:50    Stampa
Isole Tremiti: Ai residenti non servono Favole Africane ma seri Atti Amministrativi
Isole Tremiti - Politica Tremiti

Isole Tremiti - S.Nicola: Cimitero Libico (foto C.L.Smoke)SAN NICOLA _ Non si sarebbe mai pensato che Giuseppe Calabrese, irriducibile cantore tremitese di una insussistente gloria del dittatore libico, osasse inserirsi nel clamore della sanguinosa tragedia libica con indebite affermazioni, del tutto inopportune a fronte della realtà. Quello di negare l’evidenza conclamata ad ogni livello in ottica planetaria è un espediente che alla lunga non paga neppure all’interno di un piccolo consesso isolano, per certi versi estraneo ai maneggi di politica internazionale. La popolazione delle Isole Tremiti, stanca ormai di assistere a chiacchiere oziose su promesse irrealizzabili, a grandiosi annunci di “visite di Stato”  peraltro impossibili, a ventilati “aiuti” di un dittatore che tutto prende senza nulla mai dare, ora dice basta. Il Sindaco si occupi, non per carità ma per civico dovere, delle problematiche irrisolte da cui è afflitta la comunità. Se tali emergenze dovessero permanere a lungo ulteriormente sottovalutate la loro gravità sarebbe destinata ad aumentare via via con progressione similare a quella del volume di una valanga.

Mi sia consentito di osservare: un diplomatico dilettante che si arrogasse consumata esperienza in merito a situazioni e fatti da lui appena sfiorati, farebbe certamente torto al proprio stesso intelletto. Se inoltre ci toccasse di attendere l’ultima “visione” di un piccolo sindaco in cerca di notorietà riflessa, dovremmo trarne la conclusione alquanto curiosa che la civile indignazione dell’intero consesso planetario risulti da mistificazioni della realtà organizzate ai danni di quella “persona equilibrata” che risponde al nome di Muhammar Gheddafi.

Ieri, nel consultare la sezione pugliese inserita nell’edizione giornaliera del quotidiano “Corriere del Mezzogiorno”, mi sono ritrovato perplessoArticolo del Corriere (vorrei dire inorridito) a leggere da parte di un pubblico personaggio dichiarazioni del tutto sbalorditive, quanto mai opinabili perché bellamente ignare e pertanto trasgressive della concretezza elementare di realtà inconfutabili. Secondo un “illuminato” giudizio di Giuseppe Calabrese (era lui l’intervistato) l’inferno libico, la colossale sommossa popolare, le carneficine tuttora in atto con migliaia di morti sarebbero qualcosa di simile alla panzana, e quel suo personale “amicone”, ben lungi dall’essere un demone sarebbe da considerarsi, se non proprio un angelo, un politico serio e amato dal popolo: “è una persona equilibrata, non è un pazzo” ha specificato testualmente l’ineffabile sindaco tremitese.

Se ne poteva dedurre che, sempre secondo Giuseppe Calabrese, il padrone della Libia non sarebbe affatto quel personaggio inquietante che ormai da parecchi anni si è aggiudicato da parte di tutte le nazioni civili una trista reputazione di sanguinario dittatore, dispotico, arrogante, spietato. Su tutti gli indirizzi internet è ormai un continuo susseguirsi di notizie che illustrano il decorso del movimento rivoluzionario in costante avanzata. Ed è proprio nei confronti della comunicazione online che Gheddafi ha continuato a praticare una guardia inflessibile. Dimostrando attenzione particolarmente attiva, quella “persona equilibrata” ha intimato alla popolazione di desistere dall'accesso a Facebook, e alcuni attivisti che a dispetto della diffida hanno utilizzato il social network per trasmettere dettagli d’informazione sulle proteste hanno subito l’arresto. Eppure anche oggi le agenzie hanno proseguito a battere terrificanti resoconti di "violenza mostruosa" specificando come la rabbiosa repressione in corso, orribilmente contraria ai diritti umani, "viola le leggi internazionali".

Ma è interessante osservare che l’attuale crisi del regime libico è scaturita proprio dalla disinvolta doppiezza con la quale il dittatore stesso pratica i consueti maneggi. Già intorno alla metà del corrente mese di febbraio i nostri servizi di controspionaggio in una circostanziata relazione avvertivano testualmente i responsabili governativi: "la Libia non rispetta i patti e così ha provocato la nuova crisi". In pratica Tripoli avrebbe consentito a migliaia di clandestini l’attraversamento della frontiera con il chiaro intento di mettersi al riparo dal pericolo di una deriva del contagio partito dalle piazze del Cairo e da quella di Tunisi. In particolare, la sera dello scorso 14 febbraio, durante la riunione al Viminale del Comitato Nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica, Giorgio Piccirillo, direttore dell'Aisi (per l’appunto il nostro controspionaggio) si è dimostrato chiaramente esplicito nell’illustrare come il movimento di immigrazione clandestina dalla Tunisia, inizialmente spontaneo e limitato nei numeri, si sia poi trasformato contestualmente al passaggio di gestione del “contrabbando di carne umana” nelle mani di trafficanti le cui organizzazioni risultano particolarmente competitive in quanto collegate a “filiere logistiche marocchine, nigeriane e libiche". In tale scenario la "finestra tunisina" è apparsa "un'opportunità politica per il regime di Tripoli", segnatamente in funzione di "regolatore sociale ad uso interno". Stando ai rilievi dei nostri servizi di controspionaggio, si è visto attraversare il confine tra Libia e Tunisia da "flussi migratori provenienti dalla Libia, costituiti in parte da evasi dalle carceri locali". Una circostanza "taciuta" a Roma. Possiamo dunque affermare con circostanziata certezza che il regime di Muhammar Gheddafi, a dispetto degli accordi profumatamente pagati, ha ingannato l’Italia nascondendo informazioni cruciali su flussi migratori diretti dal deserto libico verso il confine tunisino.
Il Faro di San Domino (foto C.L.Smoke)
Ma questa volta, caro Signor Calabrese, il petardo è scoppiato in mano al probabile “terrorista”, come quelle bombe dirette nel 1986 al Faro di San Domino, che “ignoti” mandanti avevano consegnato a due mercenari non senza taroccarne ad arte il timer in modo tale da provocare un’esplosione anticipata che contestualmente alla distruzione del manufatto doveva uccidere i manovali dell’attentato, eliminando così testimoni scomodi. La fattispecie di quell’intrigo non è poi tanto misteriosa. Oggi purtroppo noi non possiamo accusare nessuno, anche se restiamo ben fermi assieme a tanti tremitesi nella nostra convinzione.

Il Comune Isole Tremiti ha omaggiato la Libia con la realizzazione di un bel mausoleo nel quale sono custoditi i resti di cittadini libici a suo tempo deceduti in loco. Pure il cimitero cristiano avrebbe necessità di lavori per l’opportuna manutenzione, ma d’altro canto i vivi presentano necessità molto più pressanti in funzione sociale, organizzativa e di conservazione dell’ambiente naturale.
Gheddafi da parte propria non ha mai ritenuto di offrire spontaneamente il capitale necessario per il ripristino del faro distrutto da “ignoti criminali”.
Appare di ora in ora sempre più probabile la caduta del dittatore, a dispetto dell’ottimistica previsione del sindaco. Rimane soltanto da augurarsi che il colonnello non abbia mai occasione di mettere piede sulle Tremiti, neppure in quell’eventuale esilio accennato dall’intervistatore con allusione forse scherzosa.

Ancora in tema di scherzi, visto il tempo di carnevale, mi si consenta di offrire a Pinuccio Calabrese quella vecchia canzone del 1947 il cui testo recitava: “Addio sogni di gloria,  addio castelli in aria. Guardo con sordo rancore la mia scrivania…..”.
Potrà forse duettarne il canto a braccetto con l’amicone africano.
mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)
 

myNews.iT - Commenti  

 
# dittature addio...amotremiti 25-02-2011 alle ore 16:06
bellissimo pezzo...è vero l'ormai Ex sindaco delle Tremiti doveva dapprima onorare i morti dei suoi concittadini rendendo decoroso il cimitero di Tremiti (ricordo che il cancello è ormai divelto da anni e la cappella dell'ossario altresì alla mercè di tutti)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# filippo Bianchessi 26-02-2011 alle ore 17:46
Il sindaco Calabrese avrà pure molti difetti, ma a differenza di molti diplomatici di professione, è coerente con le sue idee. Mentre i viscidi capi di stato attendevano come carogne la presumibile fine di Gheddafi, senza pronunciarsi in merito sugli avvenimenti della rivolta popolare libica, (forse perchè coinvolti economicamente in partnerhip con il Rais?)sicuri della sua imminente abdicazione, rilasciano i primi timidi commenti di disaprovazione. Solo il sindaco Calabrese, ha avuto il coraggio di dire quello che pensa : Meglio Gheddafi di " Al Qaida". I politici tremitesi per questioni di faide interne , hanno colto la palla al balzo per eliminare il sindaco.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Meno male che non c'è piùCassandra di Troia 27-02-2011 alle ore 15:06
Che sciocchezza.... .le "carogne" sono cadaveri di animali, senza vita.....non possono "attendere".
Lui? Si, è vero, ha pure molti difetti, come quello d'insultare gli avversari ed esaltare sè stesso..... Chi si loda s'imbroda.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Filippo Bianchessi 28-02-2011 alle ore 11:41
Cara Cassandra, prima di criticare dovrebbe studiare il dizionario della lingua italiana. Per "carogna" vale anche la definizione di "persona sudicia e sporca".
Cordiali saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# “sudicio e sporco” è più o meno la stessa cosaALESSIA SANMICHELI 03-03-2011 alle ore 05:36
Può darsi che nelle osterie di basso rango, fra allegri brindisi serpeggi l’insulto di chi, senza sapere quel che dice, appioppi l’etichetta di “carogna” a un tipo lercio. Io non me lo permetterei mai, per umano rispetto.Da italianista accademica cerco di usare i vocaboli nel senso proprio, evitando le degenerazioni volgari. Ma tant’è, ognuno usa il linguaggio che si merita.
Dal Tommaseo in poi, fino al Devoto-Oli, allo Zingarelli ecc., i migliori dizionari italiani (non edizioni minori ad uso “turistico”) sono un tesoro da custodire e consultare con assiduità. Altrimenti si finisce per stravolgerne la pregnanza culturale. Il guaio è che ormai si parla con un patrimonio linguistico sempre più scarno, miserabile, forse adatto solo alle “carogne” di cui diceva un esimio commentatore. Alessia Sanmicheli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gentile , italianista accademica... epc Cassandra.Filippo Bianchessi 03-03-2011 alle ore 13:45
Gentile "italianista accademica",
non voglio cadere in questa sterile polemica. Dalla sua risposta, come da me sostenuto, si evince che il termine "carogna" non si riferisce solo al corpo di bestia in putrefazione, ma può essere inteso anche come appellativo ingiurioso, di persona infingarda o perfida( rif. Devoto- Oli).Forse lei non si permetterà mai di usare un termine così deplorevole. Quello che mi consola, come dice Lei" in questa stravolgente pregananza culturale" è che autori come Shakespeare, Baudelaire, Gadda, Calvino, e tantissimi altri, abbiano usato il termine " carogna " come appellativo ingiurioso nei loro scritti.
Cordialmente saluto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Non difendiamo l'indifendibileAS 03-03-2011 alle ore 20:40
Shakespeare, Baudelaire, Gadda, Calvino, e tantissimi altri? La filosofia era ben altra e soprattutto il tono intellettuale molto più elevato.
Alessia Sanmicheli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Macellerie riunite coraggioseGennaro di Napoli 04-03-2011 alle ore 17:13
Vengono i brividi a leggere certe difese d'ufficio dell'ex sindaco: "Calabrese ha avuto il coraggio di dire quello che pensa, Meglio Gheddafi di Al Qaeda". Ci vuole proprio un bel coraggio!
Bin Laden è fanatico, infido, macellaio, sanguinario, spietato, terrorista, ricchissimo: anche Gheddafi lo è.
Vanno .... entrambi, magari uno alla volta se non è possibile assieme.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Arturo 07-03-2011 alle ore 14:58
Del... delle isole non se ne poteva più!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Cronaca

Cronaca Termoli | 18 Ottobre 2017

Anziano di 82 anni investe donna davanti Scrigno e se ne va. Denunciato da Polizia Municipale

TERMOLI - Ottantaduenne alla guida di vettura investe una donna mentre attraversa la strada davanti il centro commerciale “Lo Scrigno”, ...

Altri Articoli: Cronaca Termoli, Cronaca Campomarino, Cronaca Montenero - Petacciato, Cronaca Tremiti, Cronaca Molise, Cronaca Larino

Politica

Politica Molise | 19 Ottobre 2017

Frattura replica a Iorio: prendo atto che eviti contraddittorio

CAMPOBASSO - Michele Iorio ha rinunciato a partecipare al confronto televisivo programmato da Teleregione per ...

Altri Articoli: Politica Termoli, Politica Campomarino, Politica Montenero - Petacciato, Politica Tremiti, Politica Molise, Politica Larino

Sport

Sport Molise | 16 Ottobre 2017

Portocannone, slalom automobilistico: un successo la seconda edizione

PORTOCANNONE - In una giornata assolata e calda, a dispetto dell'autunno inoltrato, si è svolta ieri ...

Altri Articoli: Sport Termoli, Sport Campomarino, Sport Montenero - Petacciato, Sport Tremiti, Sport Molise, Sport Larino

Turismo

Turismo Termoli | 10 Ottobre 2017

Chef termolese Terzano racconta Molise con ricette a Geo&Geo

TERMOLI - Lo chef termolese Antonio Terzano racconterà il Molise a Geo&Geo, la trasmissione in ...

Altri Articoli: Turismo Termoli, Turismo Campomarino, Turismo Montenero - Petacciato, Turismo Tremiti, Turismo Molise, Turismo Larino