La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Saverio Metere    Domenica 08 Gennaio 2017 14:20    Stampa
GOMORRA
Rubriche - MyVoice
I piccoli centri  soffrono di inospitalità.
Metereipocrisia1Gli abitanti delle cinque città  Sodoma, Gomorra,  Admà, Tsevoim, Lèscià, poste ad oriente del Mar Morto, erano considerati  inospitali
Nel libro della Genesi è scritto che una sera due angeli inviati dal Signore, furono ospitati nella città di Gomorra da Lot contro il parere degli abitantiDio s’adirò per la loro “inospitalità”,  sacra al popolo Ebraico.
Ancora oggi, è atteggiamento tipico, in special modo di piccoli paesi, considerare lo straniero come un “ospite indesiderato”. E’ difficile che una famiglia  proveniente “da fuori”, avesse la vita facile e riuscisse  a risiedervi con una certa tolleranza. C’è uno strano atteggiamento “di ripulsa” contro tutto ciò che non è “locale”, contro la “novità”.  Accade anche che un giovane venga osteggiato, ridicolizzato solo perché, normalmente, vesta con…“giacca e cravatta”: è considerato “spocchioso”, esibizionista. Insomma, l’estraneo non viene accettato ed è costretto a mettersi da parte. Il “gruppo” rifiuta la “novità” e quindi, la “diversità”.
 In un vecchio film di Joseph Losey del 1948, “Il ragazzo dai capelli verdi”, l’interprete, un ragazzo di circa sedici anni, non può frequentare neanche la scuola senza essere preso in giro e  allontanato da tutti.  Gli ebrei - durante il periodo del  nazi-fascismo, individuati dalla stella di Davide cucita sugli abiti – venivano perseguitati e uccisi nei campi di sterminio. 
Può sembrare assurdo ma intorno ai gruppi si forma una nuvola invisibile: per essere protetti,  devono pensare tutti allo stesso modo. Ci si pone sotto la stessateca di cristallo” dove ogni innovazione viene aspramente criticata e rigettata.  
Il castello delle cose conquistate, usi ed abitudini, cade e si fa molta fatica a ripristinarlo. E allora, perché innovare? Perché fare esperienze diverse? Perché cercare nuove vie? Sperimentare? “Si cambia purché tutto possa rimanere tale e quale!”, Ci si affeziona all’esistente, si vive di ricordi, di “luoghi e sensazioni già provate” che si portano avanti fino alla fine. Non si accetta che il progresso possa modificare lo status quo. Si ingaggiano lotte contro le istituzioni adducendo problemi di “conservazione dei luoghi storici della propria fanciullezza”. In una parola: si nega il progresso!
A questo “modus vivendi” si aggregano gruppi e movimenti politici di varia natura. 
Sotto questo aspetto quindi, TUTTI I PAESI DEL MONDO, POSSONO DIVENTARE,  COME GOMORRA:  SENZA AMBIZIONI, INOSPITALI E RETROGADI!

Saverio Metere
mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Arte e Cultura

Giovedì, 28 Settembre 2017

Scatti divini, fotografie sul mondo del vino

TERMOLI - L’Associazione di sommelier ASPI insieme alla Associazione Culturale DIVINOLIO ITALIA, presentano la mostra fotografica nazionale “SCATTI DIVINI” che si ...

Altri Articoli: Arte e Cultura

Viaggi

Domenica, 24 Agosto 2014

Percorso tra Storia, Ulivi e Paesaggi

SPECCHIA - In questo mese di Agosto nasce la voglia e la passione per intraprendere un viaggio più che affascinante ...

Altri Articoli: Viaggi

Salute e Scienze

Mercoledì, 30 Agosto 2017

La Carovana della salute torna a Termoli il 4 settembre

TERMOLI - Dopo la straordinaria partecipazione nel corso della prima edizione della “tappa” termolese della Carovana della Salute, la Fondazione ...

Altri Articoli: Salute e Scienze

myVoice

Lunedì, 25 Settembre 2017

Tunnel, lettera aperta al Sindaco Sbrocca: Lei come Aristotele...

TERMOLI - Chiarissimo Sindaco Sbrocca, nella Sua intervista al TGR Molise – 20 u.s. – in ordine alla questione referendum ...

Altri Articoli: MyVoice