logo.png
Scritto da Redazione    Lunedì 28 Agosto 2017 12:46    Stampa
Sinistra Italiana: Molise abbandonato da Stato nella lotta alle infiltrazioni mafiose
sottocosta - Cronaca Molise
ViaRoma CorsoFBCAMPOBASSO - 14 parlamentari di Sinistra Italiana lo scorso anno presentarono una preoccupante interrogazione parlamentare al Governo per denunciare i rischi crescenti a cui è esposto il Molise rispetto al ripetersi di fenomeni di infiltrazione mafiosa perpetrati dalla ‘Ndrangheta sul litorale adriatico, dalla Camorra lungo il confine casertano e beneventano, e dalla nuova mafia foggiana a ridosso del Basso Molise, di Campobasso e dell’area del Fortore.
Grazie a quell’interrogazione vennero accesi i riflettori sull’allarmante situazione del nostro territorio e per la prima volta una delegazione della Commissione Parlamentare Antimafia, guidata dal suo Presidente Rosy Bindi, è venuta a Campobasso per un vertice in materia di prevenzione e repressione del fenomeno mafioso.

Purtroppo le richieste dei parlamentari di Sinistra Italiana non sono state accolte dal Governo che ha confermato, con una superficialità disarmante, la soppressione del Comando Regionale dei Carabinieri, il distaccamento della Polizia Stradale di Larino, i posti di polizia ferroviaria e di polizia postale, oltre a non valutare l’indebolimento derivante dalla soppressione del Corpo Forestale dello Stato per una Regione a bassa densità demografica e con un’ampia estensione in aree interne e montane utilizzabili per nascondere latitanti, per riciclare denaro sporco o più banalmente per interrare rifiuti o devastare con impianti di produzione energetica impattanti.

Gli ultimi episodi di Santa Croce di Magliano, Nuova Cliternia, Termoli e di diversi comuni della provincia di Isernia confermano la debolezza della risposta istituzionale, sociale e di pubblica sicurezza, con l’aggravante che non accenna a diminuire il numero dei boss mafiosi inviati in Molise a vario titolo tra pentiti, collaboratori di giustizia, arresti domiciliari o per altre pene detentive.

Manca la reazione dei cittadini, delle associazioni, delle forze sociali e delle istituzioni. Il Governo continua a nicchiare come ha fatto per 20 anni in provincia di Foggia dove ha chiuso inopportunamente il Tribunale di Lucera e dove solo dopo l’ultima carneficina mafiosa di San Marco in Lamis si è deciso di ripristinare parte degli organici carenti delle Forze di Polizia antecedenti gli eventi emergenziali degli ultimi anni.
Se il Molise non comprende la gravità del rischio a cui è esposto, sarà inghiottito dalla faida criminale foggiana e dagli affari di ‘Ndrangheta a Camorra. 

La Segretaria Provinciale
Anna Spina
mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)