La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Antonella Salvatore    Mercoledì 13 Marzo 2019 22:49    Stampa
Consiglio comunale su Airino Basket. Tensione in aula. Società:vergogna
Termoli - Politica Termoli
ComuneAirinoTERMOLI - Respinta con 7 voti favorevoli e 13 contrari la mozione della minoranza sull'utilizzo del palazzetto dello sport, il PalaAirino da parte della squadra "Airino" basket della città dopo oltre 30 anni di allenamenti nella struttura. Sulla questione, la minoranza ha presentato una richiesta di consiglio comunale monotematico. Una seconda mozione, presentata dalla maggioranza inerenti i lavori di adeguamento normativo e gestione dei palazzetti dello sport: Palairino e Palasabetta è stata approvata con i voti del centro sinistra. I due documenti con gli interventi a catena di esponenti di maggioranza ed opposizione hanno tenuto banco nel corso dell'intera mattinata.
"L'impianto PalaAirino situato in Piazza del Papa è chiuso da diverse settimane - hanno dichiarato i vertici della squadra sportiva -. Non ci sono più gli operai che vi lavorano all'interno, la pavimentazione è stata rifatta, tracciate le linee del campo di pallavolo e quelle del campo di calcio a 5, mentre quelle del campo di basket no. Il tutto avviene nel totale silenzio da parte dell'Assessore allo Sport nonché Sindaco. Gli impegni verbali presi sono stati disattesi. A fronte di un'attività di 40 ore settimanali per gli allenamenti dei gruppi di Minibasket ed altri 6 gruppi giovanili, per oltre 200 ragazzi che si svolgevano al PalAirino, ci sono state date 10 ore nella palestra scolastica di Difesa Grande, con un tabellone sfondato e nessuna protezione alle strutture di sostegno dei canestri, per cui inutilizzabile per un normale allenamento a tutto campo e costretti ad andare all'aperto nel parco quando le condizioni climatiche lo permettono. Risultato: molti ragazzi hanno abbandonato. L'Airino Basket e la città di Termoli non meritano tutto questo".

Sulla vicenda non sono mancati momenti di tensione ed anche aspri botta e risposta tra consiglieri delle opposte fazioni. Antonio Di Brino alza i toni per l'impossibilità di effettuare un intervento ricordando al Presidente del Consiglio Vigilante il regolamento del consiglio. 

Antonio Giuditta tenta di difendere le scelte dell'Amministrazione nel suo intervento ma le sue parole sono al centro di polemiche non solo della società Airino.  
Il sindaco Sbrocca che ha difeso i lavori si riqualificazione dei due palazzetti dello sport presenti in città e la suddivisione delle attività sportive.

"La richiesta di un consiglio comunale monotematico su questo la ritengo una strumentalizzazione evidente in vista delle imminenti elezioni - ha commentato il primo cittadino -. Voglio ricordare che la gestione di queste strutture è pubblica e non privata. Purtroppo ci sono stati degli inconvenienti tecnici che hanno fatto slittare la fine dei lavori che erano previsti a fine ottobre. Sottolineo che tutti gli impianti della città saranno affidati per bando pubblico e non per gestione diretta. Stiamo cercando di soddisfare tutte le discipline: ginnastica, scherma, rugby, baseball e atletica leggera oltre quelle di basket, volley e calcio a 5".

Delusione cocente per la società di basket termolese che ha portato avanti tale sport per 30 anni. A parlare alla fine è il presidente dell'Airino basket Fernando Biondi:"L'esito del consiglio comunale purtroppo è stato esattamente quello che ci aspettavamo, senza nessuna soluzione alle esigenze nostre, e soprattutto dei tanti ragazzi che ci seguono, creando dei problemi non solo alla nostra società sportiva ma anche alle altre per la sovrapposizione degli impegni, dandoci il contentino di una palestra con un solo canestro, per poter fare almeno qualche allenamento. Però, purtroppo ce l'aspettavamo, siamo amareggiati e continuiamo ad essere delusi da questa amministrazione, perché dello sport, probabilmente, non gliene frega niente, scusate il termine". 
MYSOCIAL (condividi l'articolo sul tuo social preferito)