TurdoPompano
A sinistra Tony Phillips e in fondo a destra Luigi Turdò (foto di Mondo Italiano Magazine)
TERMOLI – Il gemellaggio Termoli con Pompano Beach ha creato non poco clamore a Termoli soprattutto per la scelta della città della Florida, decisa dall’Amministrazione comunale. Una scelta che non è assolutamente casuale ma, al contrario, ben ponderata ed organizzata. Nonostante il viaggio istituzionale del Sindaco Angelo Sbrocca insieme al Consigliere comunale di minoranza Francesco Rinaldi che si definisce l’ideatore di questo progetto, all’addetto stampa Valentina Fauzia ed al delegato alla cultura Michele Macchiagodena sia di questi giorni, in realtà l’iniziativa è del 2017.

 
Le delegazione termolese, partita a fine ottobre scorso, ha tenuto in quest’ultima settimana vari incontri istituzionali con il primo cittadino di Pompano e associazioni che raggruppano i numerosi italiani e molisani che vivono in quella città. Tra questi spunta, a sorpresa, il nome di un termolese molto noto e conosciuto a Termoli sia per i suoi trascorsi professionali, politici che giudiziari. Pur non comparso nelle immagini giunte dalla città situata nella Contea di Broward, egli in realtà vive proprio nella zona.

Si tratta dell’ex assessore comunale all’urbanistica ed ai lavori pubblici del Comune di Termoli, Luigi Turdò. L’imprenditore termolese a maggio 2015 incappò in problemi giudiziari tali da convincerlo a trasferirsi in via definitiva oltreoceano, a Pompano beach appunto, dove vive con la famiglia da alcuni anni. Lì lo stesso ha aperto un’attività, un bar ristorante.

Turdò rimase coinvolto in una operazione della Guardia di Finanza di Campobasso nell’ambito di una inchiesta della Procura di Larino per frode e bancarotta fraudolenta. Per gli inquirenti frentani Turdò sarebbe stato il regista occulto delle 7 società aperte e chiuse in 27 anni di attività, dal 1988 al 2012. L’indagine portò gli inquirenti ad effettuare accertamenti e riscontri investigativi in varie città d’Italia come Foggia, Napoli, Padova e persino all’estero, in America, dove l’imprenditore si era trasferito negli ultimi tempi. E proprio Turdò compare in alcune foto pubblicate da quotidiani della zona insieme ad alcuni dei partecipanti del gemellaggio di Termoli con Pompano Beach. Una iniziativa che favorirà numerosi contatti culturali ma anche economici ed imprenditoriali tra Termoli e Pompano Beach. Ne sono tutti convinti.

L’articolo su Turdò Family considerato uno dei fautori del gemellaggio tra Termoli e Pompano Beach: Mondo Italiano