L’Amministrazione beneficerà del servizio di ripristino post incidente “a costo zero” anche nei casi in cui il conducente sia rimasto sconosciuto.

Rotonda parco Termoli

TERMOLI – Il Comune di Termoli, in una recente delibera di giunta, ha espresso la volontà della ricerca di un operatore esterno che si occupi del ripristino e messa in sicurezza delle aree in cui si verificano incidenti stradali poiché, la creazione all’interno dell’Amministrazione di strutture operative per la realizzazione dell’attività di ripristino post incidenti stradali e dell’esecuzione dei procedimenti istruttori finalizzati al recupero dei costi nei confronti delle compagnie assicurative, risulterebbe complessa nonché onerosa in termini di risorse umane ed economiche.

Si legge nell’atto giuntale:

Per ottimizzare la gestione dei sinistri nel miglioramento della sicurezza stradale e della tutela ambientale, si rende indispensabile l’instaurazione di una collaborazione sinergica con un operatore esterno privato in possesso dei requisiti richiesti dalle normative vigenti.

L’Amministrazione, per l’adempimento delle prescrizioni sopra enunciate, servendosi di un operatore privato esterno, non è investita di alcun onere, specie economico in quanto il rapporto intercorrente tra l’Ente proprietario della rete stradale e l’operatore esterno incaricato di svolgere le attività del servizio di ripristino post incidente è qualificato come concessione di servizi e, pertanto, “la controprestazione a favore del concessionario consiste unicamente nel diritto di gestire funzionalmente e di sfruttare economicamente il servizio” (nella fattispecie de quo, l’operatore esterno riceve, quale controprestazione dell’affidamento del servizio, il recupero di quanto sostenuto nell’esecuzione del medesimo servizio di ripristino post incidente, nei confronti delle compagnie assicurative (R.C.A.) dei proprietari dei veicoli responsabili degli incidenti stradali).

A fronte dell’affidamento ad un operatore esterno, specializzato nei servizi di cui trattasi, l’Amministrazione beneficerà del servizio di ripristino post incidente “a costo zero” anche nei casi in cui il conducente sia rimasto sconosciuto, evitando così il determinarsi di situazioni di grave pericolo, costituente vera e propria insidia stradale, comportante, pertanto, chiare responsabilità di ogni ordine grado in capo all’ente proprietario della strada. 

Delibera di incaricare il responsabile del settore IV “Lavori Pubblici-Manutenzioni” all’individuazione di un operatore privato esterno, mediante procedura ad evidenza pubblica, in possesso di tutti requisiti richiesti dalle leggi vigenti in materia, per l’espletamento del servizio di coordinamento dell’esecuzione del ripristino delle condizioni sicurezza stradale e di reintegra e delle matrici ambientali compromesse al verificarsi di incidenti stradali sulle strade di competenza dell’Ente, svolto in emergenza per meglio garantire la sicurezza dei cittadini dell’ambiente.

Dare atto che l’operatore esterno incaricato dal rassicurare, costo zero per l’ente, il ripristino post incidente stradale, sia nella fase meramente operativa e sia in quella relativa alla procedura di richiesta di rimborso alle compagnie assicurative per i danni cagionati all’infrastruttura stradale a seguito di incidenti tra veicoli e di stabilire sin da ora che la convenzione di affidamento servizi in argomento dovrà avere la durata massima di anni tre.”