FanelliMicaelaCAMPOBASSO – I consiglieri regionali del Partito Democratico, il Presidente della Provincia di Isernia, diversi consiglieri provinciali e 80 amministratori comunali (altri stanno aderendo in queste ore) aderiscono alla mozione congressuale di Nicola Zingaretti, candidato alla guida della Segreteria nazionale.

La firma del documento è avvenuta al termine dell’incontro che si è tenuto questo pomeriggio a Campobasso, nella sede regionale in via Ferrari, dove è stata ribadita la necessità di ricostruire un partito unito e riformista, un’alternativa politica e culturale alla destra populista, ripartendo dai territori e dai veri bisogni degli italiani e dei molisani.

Volontà dei firmatari è quella di riportare al centro del dibattito congressuale questioni cardine come “l’organizzazione federale del partito”, “il ruolo delle autonomie locali”, “la battaglia della competenza”. Coniugando “progresso ed equità”, “creazione di valore e contrasto delle disuguaglianze”. Senza tralasciare lo “sviluppo sostenibile” e una visione dell’immigrazione “capace di tenere insieme principi umanitari, legalità e sicurezza”.  

Contestualmente, a livello europeo, la prossima sfida sarà quella di combattere chi vuole destrutturare l’Unione, lavorando per una nuova Europa, più unita, più equa e con una maggiore peso a livello internazionale.
Un Pd che guarda al futuro, chiedono i firmatari molisani della mozione Zingaretti, capace di rimettere insieme le migliori energie del centrosinistra e ripartire dal migliore riformismo. Dal civismo, dai sindaci, dagli amministratori locali, dall’entusiasmo e dalle aspettative di tutti coloro che non si riconoscono nelle politiche della Lega e dei 5 stelle.
 Insieme a Nicola Zingaretti, per un Partito Democratico più forte, unito e capace di governare il futuro del Paese e del Molise.

Partito Democratico del Molise