myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

Da oggi quindi gli imprenditori possono contare su uno strumento in più, potente e innovativo.

TERMOLI – Una straordinaria novità, che cambia l’identità stessa di Confidi Rating e il suo modo di relazionarsi con le imprese del territorio: questo il motivo alla base della Conferenza stampa che si è svolta il 4 Aprile, presso la filiale di Termoli.

La dott.ssa Susanna Petta, insieme al Responsabile Commerciale Sabrina Marra e al Presidente di Confidi Rating Agostino Capozzo, ha presentato alla stampa la nuova veste del Consorzio, che oggi diventa un vero e proprio “braccio operativo” del MEF grazi al “Credito 108 – Sistema di Riabilitazione finanziaria”.

Da quest’anno infatti Confidi Rating è autorizzato a erogare fondi pubblici in maniera diretta. Si tratta di un evento importantissimo, che non solo conferma la bontà del lavoro che Confidi ha svolto finora – solo quattro Confidi in tutta Italia hanno avuto tale autorizzazione – ma apre prospettive del tutto inedite per quanto riguarda il sostegno al tessuto imprenditoriale del territorio.

Se finora, e da ben 25 anni, Confidi Rating era autorizzato dallo Stato al rilascio di garanzie pubbliche, oggi fa un passo avanti: erogazione di credito diretto alle imprese in difficoltà.

Il finanziamento si compone prevalentemente di fondi pubblici (fino all’80%) provenienti dal Fondo per Imprese a Elevato Rischio Finanziario, L. 108/96, ed è rivolto a quelle imprese in momentanea difficoltà finanziaria che difficilmente trovano accesso a sistemi tradizionali di finanziamento.

Si tratta quindi di un’opportunità enorme per le piccole e medie imprese del territorio, che hanno finalmente la possibilità di trovare un sostegno concreto che possa aiutarle a rimettersi in piedi, a “riabilitarsi” dal punto di vista finanziario, come sottolinea il nome stesso scelto per questa misura.

La dott.ssa Petta, Responsabile Compliance e Sviluppo, nel sottolineare la formula innovativa e dirompente di questo mezzo di intervento, ha sottolineato la natura pubblica di questo strumento: Confidi Rating è un connettore tra Stato e imprese. Credito 108 – Sistema di Riabilitazione finanziaria va dunque a coprire quello “spazio vuoto” lasciato dalle banche, che rende l’accesso al credito sempre più difficile per le piccole imprese.

La caratteristica del Confidi è quella di “abitare” il sistema imprese: in quanto operatore di prossimità, calato nel tessuto sociale e imprenditoriale del territorio, Confidi Rating può garantire vicinanza agli imprenditori. Come ha ricordato la dott.ssa Marra, il ruolo del Confidi è quello di ascoltare e dialogare con gli imprenditori, e grazie agli strumenti messi a disposizione dallo Stato,trovare la soluzione su misura. Una soluzione che va oltre gli aspetti tecnici e i meri algoritmi, ma che tiene conto degli elementi qualitativi e della storia di ogni singola impresa.

Da oggi quindi gli imprenditori possono contare su uno strumento in più, potente e innovativo: un’occasione di sviluppo per tutto il territorio la cui economia, ricordiamo, poggia proprio sulle piccole imprese.

Articolo precedenteControlli dei NAS di Campobasso nelle mense ospedaliere
Articolo successivoSettimana Santa 1946: interdetti e scomuniche