SinarcaMattatoio2017
Sinarca, la zona dell’ex mattatoio oggi
TERMOLI – Dall’era preistorica ai giorni nostri la natura ha sempre dimostrato di essere la più forte. Viceversa l’uomo quando con le proprie azioni non l’agevola” dovrebbe, con azioni fattibili ed efficaci mitigarne le conseguenze. Considerato il fatto che prevenire alcuni eventi è impossibile mentre per altri si possono circoscrivere e trovarne le soluzioni.


Ad esempio quando gli eventi si ripetono ciclicamente l’individuazione delle soluzioni dovrebbero essere più agevoli. Nei giorni scorsi abbiamo assistito nuovamente all’ennesima inondazione della zona “Sinarca”. L’ultima, in termini cronologici riguarda il giorno 25 novembre del 2015. Stesso evento stesse conseguenze.

Ma nonostante il ripetersi degli eventi l’Amministrazione comunale presieduta dal sindaco Angelo Sbrocca, proprio in quella zona e precisamente nell’area dell’ex mattatoio ha previsto la realizzazione di un centro raccolta differenziata (olii esausti; batterie; plastica; indifferenziata; ecc.), costo dell’opera euro 719.297,22. I danni provocati negli anni precedenti non solo hanno determinato un costo per la collettività in termini di lavori di sfangamento e ripristino della transitabilità nell’area esterna ed interna dei magazzini dell’ex-mattatoio, ma soprattutto per il materiale custodito nei locali ed andato perduto. Transitando lungo la strada la scena a cui ho assistito non era incoraggiante e mi auguro che la Struttura Tecnica abbia previsto delle soluzioni e le dovute precauzioni affinché in futuro non si verificano gli stessi episodi.

Giusto per non farci mancare niente alle spalle della struttura stanno completando il nuovo modulo del nuovo depuratore.

Ciro Stoico