Vaccino anti-covid
il primario del Pronto Soccorso del San Timoteo di Termoli, Nicola Rocchia, durante la somministrazione del vaccino anti-covid (foto di repertorio)

CAMPOBASSO – «Oggi è pervenuta una nota del commissario Arcuri sulla previsione delle dosi di vaccino contro il Covid-19 che saranno consegnate in Molise dall’ 8 al 28 febbraio».

Ne dà notizia il presidente della Regione Molise, Donato Toma, il quale fa presente come la distribuzione dei vaccini Pfizer e Moderna, per la settimana del 15 febbraio, venga effettuata, limitatamente  ai vaccini Pfizer, sulla base del criterio della popolazione over 80, calcolata secondo i dati lstat, al fine di non rallentare le operazioni di consegna dei vaccini già programmate. Dalla settimana successiva, invece, sarà possibile utilizzare, per entrambi i vaccini, il criterio condiviso nella Conferenza Stato-Regioni del 3 febbraio 2020, della popolazione regionale assistita con più di 80 anni, calcolata secondo i dati RGS-MEF/Tessera sanitaria, prima indisponibili.

Per quanto riguarda il vaccino Astrazeneca, a seguito di quanto stabilito nella stessa Conferenza, il criterio per la distribuzione è quello della popolazione compresa tra i 18 e i 79 anni, calcolata secondo i dati lstat, non includendo il personale sanitario e sociosanitario già coinvolto nella fase di vaccinazione precedente.

«Nella prima settimana di febbraio – riferisce il presidente – ci sono state consegnate 2340 dosi di vaccino Pfizer e 300 di Moderna. Ad esse si aggiungeranno fino a fine mese, secondo quanto ci è stato comunicato da Arcuri, con distribuzioni a cadenza settimanale, altre 9360 dosi di Pzifer, 3700 di Moderna, 6400 di Astrazeneca, per un totale di 22100».

«Ovviamente – precisa Toma –  a titolo precauzionale, va detto che i dati forniti dal commissario Arcuri sono stati formulati sulla base delle informazioni fornite dalle aziende produttrici e potrebbero subire variazioni a seguito di eventuali modifiche che dovessero pervenire dalle stesse aziende».