LaRanaconfcarcere
La conferenza stampa di Pacco Free
LARINO – Droga nascosta nella carne cotta, nei pacchi di cartone, negli indumenti intimi, negli stick dei deodoranti e poi introdotta in carcere a Larino dove veniva spacciata tra i detenuti.

Per 14 imputati coinvolti nell’operazione congiunta ‘Pacco free’, condotta nel novembre 2018 da Carabinieri e Polizia penitenziaria, sono arrivate 13 condanne – da un anno e 2 mesi a 3 anni e 8 mesi – e un’assoluzione. Le sentenze del giudice del Tribunale di Larino Vecchi sono state lette oggi pomeriggio a conclusione del rito abbreviato.

A carico degli imputati, detenuti e familiari dimoranti tra Lazio e Abruzzo, le accuse di spaccio e detenzione di droga nella Casa circondariale. Nel gruppo di persone comparse davanti al magistrato anche due collaboratori di una cooperativa; l’avvocato difensore di uno di loro ha annunciato ricorso. Assolto un detenuto la cui posizione era marginale.
L’operazione, coordinata dal procuratore Antonio La Rana, vide l’impiego di 30 militari e 14 agenti, con il sequestro di 403 grammi di droga fra hashish e marijuana.