myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

TERMOLI _ Aggressione a Termoli, in un appartamento della città, dopo la mezzanotte di ieri l’altro. Protagonisti, due coniugi del posto. Il marito, sembra per dissidi con la moglie, durante un litigio, l’avrebbe prima apostrofata in malo modo e poi sarebbe passato alle più esplicite vie di fatto prendendola a schiaffi. La donna ha reagito cercando di difendersi dai “colpi” scagliati dal consorte ma non ha potuto contrastare la forza dell’uomo. E’ così rimasta ferita. Le sue urla hanno allarmato non poco i vicini di casa che hanno contattato con urgenza i Carabinieri di Termoli.

I militari si sono diretti nell’abitazione, situata nei pressi del centro della città, riportando la calma nella residenza dove ci sono stati momenti di grave tensione ed anche paura da parte della donna. La stessa è rimasta ferita in maniera non grave. Quello dei litigi, discussione tra coniugi, fidanzati anche giovani, è divenuta una vera e propria emergenza in città.

La violenza tra le mura domestiche ha raggiunto livelli di guardia. Le discussioni con intervento delle forze dell’ordine sono ormai quotidiane. Le richieste più numerose che giungono dalle abitazioni ai centralini di Polizia di Stato e dell’Arma, si riferiscono proprio ad aggressioni in seno alla famiglia, marito e moglie o figli nei confronti dei familiari.

Tali situazioni non sempre emergono alla luce del sole ma approdano all’attenzione degli agenti o dei militari soltanto nei momenti peggiori, spesso dopo anni di incomprensioni ed anche violenze domestiche dove a subìre è sempre la donna, la parte più debole. Il problema non è da poco ed è al centro anche di numerose “visite” di psicologi ed assistenti sociali nel domicilio degli interessati perchè in molti episodi, sono i figli minori ad essere spettatori di risse ed aggressioni.

Articolo precedenteProve tecniche d’estate a Termoli e dintorni. Folla in spiaggia
Articolo successivoSi è costituita a Termoli l’associazione Iktus