Madrid
Madrid
ISERNIA _ Alla Spagna piace il Made in Italy ed il successo della serata di gala organizzata ieri presso il consolato italiano a Madrid ne è una evidente conferma assieme ai numerosi appassionati che stanno visitando gli stand di Casa Italia Atletica al villaggio della Maratona di Madrid in programma domenica prossima. Oltre 200 ospiti tra autorità, giornalisti, operatori enogastronomici e turistici, hanno partecipato con entusiasmo alla prima tappa della Maratona del Gusto e delle Bellezze d’Italia, un evento che è entrato nel cuore della capitale spagnola con lo slogan “Italian Sport Food” e con la musica degli Ecletnica Pagus, il gruppo molisano che ha ammaliato la platea attraverso i suoi suoni unici e irripetibili.
Luca Ferrari, Ministro plenipotenziario dell’Ambasciata italiana in Spagna ha dato il benvenuto ad una sala addobbata per le grandi occasioni: “Voglio ringraziare la Fidal e Casa Italia Atletica per aver organizzato questa splendida manifestazione – le sue parole – ed anche il Comitato Italiani all’Estero (rappresentato da Giuseppe Di Claudio), la Camera di Commercio (rappresentata dal presidente Marco Silvio Pizzi) l’Enit (rappresentato dal vice direttore per la Spagna, Laura della Rocca) e tutti gli enti pubblici e privati che hanno collaborato alla sua migliore realizzazione”. L’introduzione del segretario della Camera di Commercio di Madrid, Giovanni Aricò ha offerto un ulteriore spunto di riflessione sul valore dell’iniziativa che “unisce lo sport all’idea di promuovere i territori e le loro eccellenze”.

Poi l’intervento del responsabile del progetto, Mario Ialenti: “E’ una serata affascinante – ha affermato – frutto di un intenso lavoro che continuerà nelle altre tre tappe: l’Ungheria con i campionati europei master, Barcellona con i campionati europei assoluti ed infine New York con la sua storica maratona. L’obiettivo è quello di portare nel mondo la cultura di una sana alimentazione basata su prodotti di qualità utilizzando l’atletica come veicolo di comunicazione e quindi promuovendo anche questa splendida disciplina. Un sentito ringraziamento al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (rappresentato dal Funzionario Filippo D’Aquino di Caramanico) e agli altri partner che hanno creduto nel nostro progetto”.

Applausi per il consigliere federale Giacomo Leone, maratoneta doc e perfetto testimonial dell’iniziativa che lo ha visto più volte protagonista anche lo scorso anno prima dei mondiali di Berlino. Ma il vero boato è arrivato quando sono saliti sul palco Pasquale Di Lena e Mario Iaccarino introdotti da una poesia che conclude l’elegante pubblicazione appositamente realizzata e distribuita per descrivere il menu della serata. “Questa sera racconteremo i sapori e le bellezze di 12 regioni italiane – ha detto il dottor Di Lena – Le immagini proiettate raccontano i preparativi dei nostri cuochi che hanno letteralmente accarezzato tutti prodotti di qualità garantita e certificata”. “Sono felicissimo di essere qui – le parole dello Chef Iaccarino in rappresentanza dello storico ristorante Don Alfonso 1890 – abbiamo il dovere morale di salvaguardare le tradizioni che rappresentano la cultura di un popolo”.

Stasera inizia la collaborazione con il mondo dell’atletica – ha precisato Andrea Radic, direttore area strategica di Expo 2015 – e continueremo su questa strada per promuovere le migliori sinergie possibili”. Un saluto anche dall’assessore alla cultura e allo sport della provincia di Isernia, Angelo Iapaolo. “Siamo qui per testimoniare le peculiarità del territorio molisano che esprime eccellenze enogastronomiche come il tartufo bianco ma anche unicità musicali, come il maestro Angelo Ricci ed il suo gruppo”. Infine il doveroso tributo ai cuochi: Adriano Cozzolino, Massimo Samuele e l’artista dolciario Paolo Caridi, che assieme al maitre Duilio Fabiani hanno davvero lasciato un segno indelebile dello stile italiano nel cuore della Spagna.