FeliceNicolaTERMOLI – Il Consiglio regionale domani, in seduta monotematica, è chiamato ad esprimersi sulla variante al piano regolatore di Termoli, per il progetto di finanza di riqualificazione urbana: il famigerato “Tunnel”. 
Si è ad un punto cruciale per conoscere il proseguo nella procedura finale con l’assegnazione definita e l’apertura del cantiere dei lavori, quindi giungere entro il 31 dicembre p.v., data ultima di scadenza per la rendicontazione del finanziamento.

E’ tanta l’attesa per Termoli e i Termolesi di conoscere la conclusione a cui i consiglieri regionali giungeranno. Se la scelta dovesse essere dettata dall’appartenenza territoriale dei componenti la Giunta e il Consiglio, ben poche speranze ci sarebbero per i Comitati, Associazioni, e liberi cittadini (anche il sottoscritto), da sempre in vari modi e sedi opportune, si sono opposti al progetto, indicando le varie criticità: urbanistiche, paesaggistiche, storiche, funzionali, procedurali… 

Mentre è forte l’auspicio, che l’intero consiglio regionale, senza distinzione di appartenenza: territoriale, colore politico, maggioranza, opposizione, …, esamini con tutte le dovute attenzioni e approfondimenti le problematiche (tecniche,amministrative, procedurali) connesse alla realizzazione dell’opera. 
In tanti attendono una decisione, in scienza e coscienza, chiara, senza sotterfugio o atti pilateschi da parte del Consiglio regionale. 
Dalla decisione dei consiglieri regionali, dipenderà molto il futuro economico, sociale e politico, non solo di Termoli e del basso Molise, ma dell’intera regione.