Angelo Giustini

CAMPOBASSO – “Apprendiamo con sconcerto e forse con molta sorpresa delle dimissioni del Commissario Regionale alla Sanità dottore Angelo Giustini. Soprattutto le motivazioni che lo hanno spinto a questa scelta, in piena pandemia, ci confermano sempre più che i temi legati alla  salute dei cittadini non possono essere un problema solo politico.  Le imposizioni del Tavolo Tecnico a Roma forse sono state molte inopportune, non crediamo che si possa intimare a un Commissario di revocare ai Privati  “DI PUNTO IN BIANCO” l’Accreditamento.  

Siamo in un momento delicatissimo, abbiamo un tasso elevato di contagiosità, siamo l’ultima Regione, in termini di percentuale, nella somministrazione delle dosi di vaccino arrivati in Molise dal 27 dicembre. 

L’unico ospedale HUB della Regione, il Cardarelli, è Centro Covid, per cui la Popolazione ha serie difficoltà a curare tutte le patologie, comprese quelle tempo dipendenti. I servizi territoriali non sono stati adeguatamente riorganizzati, in termini di tempestività ed equa distribuzione con nuove risorse umane, le prestazioni di Specialistica ambulatoriale soffrono di cronici ritardi nel Servizio Pubblico, e il Privato accreditato ha occupato nel tempo spazi sempre piuù ampi. La inappropriata gestione di anni nel Servizio Pubblico, nonostante abnegazione e professionalità di tanti Operatori ASReM ha determinato una pletora di Privato Accreditato, ed oggi un taglio lineare, al solo fine di portare i conti in pareggio, mortificherebbe e umilierebbe i cittadini molisani. 

Se oggi la priorità di Roma ai Ministeri competenti per il rientro dal deficit è continuare con tagli lineari non siamo d’ accordo e bene ha fatto il Commissario Giustini a dimettersi. 

Nel Molise la salute non è più un diritto, si sta parlando di prossimità, dettata dall’ esigenza di garantire “salute” e non  “cura”, e invece dobbiamo fare le valigie e andare a curarci fuori regione.

La revoca dell’Accreditamento ai Privati comporterebbe inevitabilmente anche la perdita di posti di lavoro, con ripercussioni gravi familiari e sociali.

Il MOLISE e i suoi cittadini, quelli che pagano le tasse, devono sentirsi  ulteriormente umiliati, si perché paghiamo le tasse più alte del paese, ma non abbiamo garantito il diritto dettato dall. art 32 della Costituzione

Cittadinanzattiva Molise spera che il Ministro della Salute possa trovare una soluzione per ripristinare il Diritto alla Salute nella Regione Molise”.

Cittadinanzattiva Molise