Metere Amore
Il video di una poesia di Saverio Metere «‘A móre che ‘hè?»

TERMOLI – È dedicata all’Amore, quello con l’ “A” maiuscola. Che cos’è l’amore? Tutti pensano che sia semplice rispondere a questa domanda. Il poeta Saverio Metere ci prova e cerca di darne alcune interpretazioni.

Ma dopo ogni risposta il dubbio rimane e quando alla fine gli sembra di aver trovata quella giusta, il dubbio l’assale di nuovo. Sono versi che fanno riflettere e richiedono un attento esame di coscienza sul vero significato, non solo quello della coppia ma in senso molto più esteso.

A MORE (*) 
‘A móre che ‘hè?
 
‘Na seráte ca’ lune
‘ssop’a rène nesciune:
‘hi e te.
 
Ma ‘a móre che ‘hè?
 
È ‘nu sunne sunnáte
‘nda ‘nu litte de róse.
E’ ‘na cóse
ca vulanne ce póse
sènza farse vede’
‘ssòp’a me, ‘ssòp’a te.
 
Ma ‘a more che ‘hè?
 
È na bbèlla canzòne
cantáte a ddu’ vòce
e au córe te cóce
quande sinde ‘sta vòce
ca sènza sape’  ‘u pecchè
te squenòcchje e t’abbrusce
pecchè ‘a móre, Carme’,
se ‘hè vère e sengère
è pe’ te primavère,
è ‘nu práte fiurite
‘na jernáte de sòle
‘na vecille ca vóle
‘a mmizze ‘u cièle che tè.
 
Ma ‘a móre che ‘hè?
*******************
L’AMORE 
L’amore cos’è?
 
Una serata con la luna
sulla sabbia nessuno:
io e te!
 
Ma l’Amore cos’è?
 
È un sogno sognato
in un letto di rose
è una cosa che
volando si posa
senza farsi vedere
sopra me, sopra te.
 
Ma l’Amore cos’è?
 
È una bella canzone
cantata a due voci
e al cuore ti cuoce
quando senti questa voce
che senza sapere il perché
ti piega le ginocchia e ti brucia
perché l’amore, Carmela
se è vero e sincero
è per te primavera
è un prato fiorito
una giornata di sole
il volo di un uccello
 in mezzo al cielo con te.
 
Ma l’Amore cos’è?
Saverio Metere,  Agosto'80
Articolo precedenteScontro betoniera-scooter, muore una ragazza di 24 anni
Articolo successivoDestinati, romanzo di Sonia De Angelis presentato a Termoli
Avatar photo
Saverio Metere è nato a Termoli il 23 settembre del 1942. Vive e lavora a Milano dove esercita la professione di architetto libero professionista. Sposato con Lalla Porta. Ha tre figli: Giuseppe, Alessandro, Lisa. Esperienze letterarie. Oltre ad interventi su libri e quotidiani, ha effettuato le seguenti pubblicazioni: Anno 1982: Lundane da mazze du Castille, Prima raccolta di poesie in vernacolo termolese; anno 1988: I cinque cantori della nostra terra, Poeti in vernacolo termolese; anno 1989: LUNDANANZE, Seconda raccolta di poesie in vernacolo termolese; anno 1993 da Letteratura dialettale molisana (antologia e saggi estetici–volume primo); anno 1995: da Letteratura dialettale molisana (antologia e saggi estetici–volume secondo); anno 2000: I poeti in vernacolo termolese; anno 2003 (volume unico): Matizje, Terza raccolta di poesie in vernacolo termolese e Specciamece ca stá arrevanne Sgarbe, Sceneggiatura di un atto unico in vernacolo termolese e in lingua; anno 2008: Matizje in the world, Traduzione della poesia “Matizje” nei dialetti regionali italiani e in 20 lingue estere, latino e greco.