Comune di Termoli: continua il botta e risposta tra i consiglieri al tempo del coronavirus.

Da sx Maria Chimisso, Angelo Sbrocca, Oscar Scurti e Manuela Vigilante

TERMOLI – L’ultima cosa che avremmo voluto fare è una sterile polemica in un momento come questo. Purtuttavia la replica alla nostra nota di ieri ha un contenuto inaccettabile e ci porta brevemente a precisare quello che è successo.

Innanzitutto è ormai costume di questo Sindaco che a nostri interrogativi anziché rispondere direttamente fa rispondere ai consiglieri di maggioranza nascondendosi dietro di questi. Noi abbiamo il massimo rispetto dei colleghi di maggioranza ma gradiremmo che, all’interno dell’istituzione Comunale, quando le domande sono rivolte al Sindaco fosse quest’ultimo a rispondere ed a prendersi la responsabilità di quel che scrive e dice, ricordando che il Sindaco è il rappresentante di una Istituzione ed è soggetto diverso dalla Giunta e dai consiglieri. Altrimenti avremmo rivolto le domande ai consiglieri o ai membri di Giunta. 

Non sia pavido Sindaco. In un momento come questo lei sta prendendo decisioni importanti che non attengono solo al futuro della nostra città ma alla salute pubblica dei suoi cittadini e le sta prendendo in assoluta solitudine senza coinvolgere l’opposizione e forse neppure la maggioranza come invece hanno fatto persino il governo nazionale e tanti suoi colleghi. 

È un errore politico e strategico che lei sta commettendo.

Per quanto riguarda il contenuto dello scritto nella menzionata replica occorre sottolineare come i consiglieri del centro sinistra termolese non hanno ricevuto nessuna mail dalla quale scaricare una eventuale applicazione o alcuna indicazione tecnica per poter partecipare in videoconferenza all’attività comunale. 

Gli stessi hanno solo ricevuto una mail a firma del segretario Comunale ma su ordine del Sindaco, dal significato inequivocabile, e che per verità riportiamo integralmente:

D’ordine del Sindaco comunico che, al fine di tutelare la salute dei dipendenti, fino al termine dell’emergenza per il coronavirus COVID 19 i Consiglieri potranno accedere in Comune solo in casi eccezionali per comprovati motivi di urgenza e in ogni caso dovranno depositare il modello di autocertificazione ministeriale, debitamente sottoscritto, attestante la non positività al virus. Ogni richiesta inerente l’espletamento del mandato amministrativo potrà essere trasmessa telematicamente, così come quelle relative al diritto di accesso ai documenti. Il Segretario Generale dott. Domenico Nucci

Peraltro sono stati proprio i consiglieri di centrosinistra nei giorni scorsi ad aver avanzato una richiesta al Sindaco per poter tenere le commissioni in videoconferenza, istanza anche questa rimasta inevasa. 

Inoltre è inutile nascondere il ben noto malcontento che alberga nel personale comunale con  tentennamenti sindacali sulla gestione dell’emergenza in Comune e sul da farsi: è come nascondere un plotone dietro un dito, si ha la possibilità di essere scoperti!

Infine per ciò che attiene al declamato mancato supporto al volontariato da parte dei nostri consiglieri o di tutto il centrosinistra si ricorda che questa parte politica è storicamente vicinissima al volontariato e non solo quando vi sono eventi mediatici che attirano il consenso popolare ma anche e soprattutto quando spesso chi fa volontariato viene lasciato in balia di se stesso. Inoltre la partecipazione personale di ciascuno di noi al volontariato è fatto personale, di cittadino che non dovrebbe essere mai pubblicizzato al mero fine di un consenso politico personale come invece qualcuno fa, rimanendo lontano mille miglia da una partecipazione attiva, ma magari facendosi fotografare a destra e manca in occasioni che dovrebbero essere riservate non alla politica ma all’impegno civile.

Ancora una volta purtroppo non riceviamo nessuna risposta alle domande da noi proposte a mero scopo collaborativo, ma troviamo una evidente chiusura, anche in queste occasioni di emergenza totale ed assoluta. Ci spiace perché crediamo fermamente che una apertura della politica in tali casi farebbe il bene della nostra città senza ovviamente voler alterare la normale dialettica della maggioranza con l’opposizione.

Il Centro Sinistra di Termoli