Emergenza ospedale San Timoteo

TERMOLI – Con il trascorrere dei giorni cresce l’emergenza sanitaria per l’estendersi del contagio da Covid19 anche nelle regioni del Sud. Il Molise non fa eccezione, e  mette a nudo le criticità già ben note da tempo, a seguito di dodici anni di commissariamento, piano di rientro e blocco delle assunzioni  del personale. 

Molti sostengono che questa è una “guerra”. Il Molise, già in tempo di “pace” ha avuto difficoltà a reperire personale sanitario. Ogni avviso pubblico per medici specialisti, infermieri, e altro, è stato per lo più disatteso, si figuri oggi che la richiesta viene da tutte le regioni. 

Da quanto è dato sapere pare che lo stesso personale del 118 in parte risulti in isolamento. Questo preoccupa molto, cresce la necessità di rafforzare il servizio sanitario regionale, e gli enti preposti dovranno provvedere oltre alla possibilità di richiamo dei sanitari in pensione, a chiedere il possibile intervento degli operatori sanitari dell’esercito.

Intanto le indispensabili direttive restrittive di libertà emanate dal governo nazionale, dalle regioni e Sindaci, limitando movimenti e circolazioni di  persone su  tutto il territorio nazionale, se non di estrema necessità, per rallentare la diffusione del Coronavirus, sono state accolte e osservate dal popolo disciplinato e rispettoso del prossimo. Si parla che seguiranno direttive ancor più restrittive.

Nelle nostre realtà #iorestoacasa, funziona: città e nuclei abitativi per lo più si presentano poco affollati e per buona parte delle giornate quasi deserte. Ciò, unitamente alle soluzioni che si auspica presto arrivino dalle ricerche scientifiche, fa crescere la speranza di vincere  questa guerra.

L’isolamento forzato, imposto dalle direttive per fermare l’avanzata del coronavirus., crea disagi a tutti. Un obbligo che, da un giorno all’altro, ha reso ancora più complicata, la vita, già complessa, delle persone e famiglie con disabilità. 

Molte sono  le persone con disabilità: motorie, sensoriali, intellettive, disturbi del neurosviluppo, e  socializzazione, e altre ancora. Con  la chiusura delle scuole, centri diurni sociali e  riabilitativi e specializzati, viene a mancare la possibilità di usufruire dei servizi essenziali e in assenza di quelli domiciliari alternativi che li aiutino. crescono i disagi per disabili e i propri parenti.

Ancor più per i disabili ricadenti nella fascia dell’ infanzia. Si pensi ad esempio ai bambini autistici, che se obbligati per molto tempo in ambienti ristretti, senza la possibilità di  “scaricare” le energie, cresce la difficoltà a gestirli e la probabilità a generare azioni lesive per loro e a chi li accudisce.

Per ovviare a ciò, soggetti interessati si vedono forzati,  non per incoscienza o per il gusto di disubbidire, a disattendere completamente  alle direttive emanate. 

Per tali circostanze sarebbe opportuno, non la compassione ma comprensione e tolleranza da parte di tutti, oltre che a prevedere per queste persone, che spesso necessitano di un accompagnatore, una attenzione dedicata, con personale specializzato al trattamento di disabilità fisiche, psichiche e intellettive. 

Gli enti locali preposti  potrebbero, attraverso il terzo settore, fare in modo di assicurare, pur con tutte le cautele e nel rispetto delle regole necessarie a evitare la diffusione del contagio, vicinanza e assistenza ai diversamente abili,in primis a quelli che non hanno familiari, per alleviare almeno in parte la loro solitudine in questi giorni, acuita dall’isolamento forzato, facendo loro sentire la vicinanza della comunità e delle istituzioni.

Nicola Felice Presidente Comitato San Timoteo