TunnelConsiglio
Il consiglio Comunale sul Referendum sul Tunnel (foto di repertorio)

TERMOLI – Ad affiancare i consiglieri di minoranza del centrosinistra sulla polemica inerente le convocazioni delle commissioni consiliari in piena emergenza Covit-19 sono scesi in campo i pentastellati. La loro denuncia però non riguarda le “convocazioni” bensì gli argomenti trattati.

Infatti, mentre la convocazione della IV commissione del 17 marzo c.a anticipava la trattazione dello studio di fattibilità, miglioramento viabilità rotonda Torre Sinarca, la commissione, in detta seduta, ha discusso del Piano triennale delle opere pubbliche. Non entrerò nel merito (in questo momento) della discussione politica, ma non posso esimermi da esprimere un giudizio NEGATIVO sull’accaduto.

Premesso che fare POLITICA è mettersi a servizio della collettività, tuttavia non sembra che la partecipazione ad una discussione su un progetto di fattibilità di una rotatoria possa costituire una “comprovata esigenza lavorativa”, quale presupposto per derogare alle rigorose norme contro la diffusione del Coronavirus.

Colgo l’occasione di questa circostanza per esternare alcune considerazioni sul Piano Triennale delle Opere Pubbliche adottato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. 38 del 20 febbraio 2020. A mio modesto parere vi sono delle criticità nell’atto amministrativo:

  • la prima è rappresentata dalla mancata indicazione al responsabile del piano sulla possibilità o meno di far pervenire le osservazione da parte dei cittadini sulle opere pubbliche elencate nel Piano, anche al fine di indicare la durata della pubblicazione (rispettivamente di 30 o di 15 giorni);
  • la seconda, in tema di principi di trasparenza, si sostanzia nel mancato rispetto dell’art. 29 del Codice dei Contratti sulle modalità di pubblicazione della delibera e dei suoi allegati;
  • la terza la mancata pubblicazione sull’albo pretorio degli allegati che costituiscono parte integrante dell’atto amministrativo.
  • Infine, si segnala che nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche il famigerato Tunnel (mastodontica colata di cemento) è stato stralciato, senza argomentazioni tecniche, ma con la seguente motivazione: “[…] su indicazione dell’attuale Amministrazione comunale”.

Poiché non si è a conoscenza di alcun atto d’indirizzo formulato in tal senso dall’Amministrazione, in barba ai principi di trasparenza della pubblica amministrazione, la cittadinanza non può conoscere il reale motivo della soppressione.

P.S. seguiranno aggiornamenti

Ciro Stoico