DelGiudice TerzaEtaTERMOLI – Le produzioni bio e senza lattosio, il valore nutrizionale del latte e derivati al centro di una lezione tenuta dal Responsabile della Divisione produttiva dell’azienda lattiero-casearia Del Giudice, Pierluigi Evangelista alle “studentesse” dell’Università delle “Tre Età” di Vasto. 

“I cambiamenti alimentari alla luce delle produzioni biologiche, delattosate e del valore nutritivo del latte e dei suoi derivati” il tema dell’incontro svoltosi nell’ambito  di un progetto coordinato da Teresa De Sanctis, dal titolo: “Mutazioni antropologiche della società moderna; aspetti sociologici, psicologici e pedagogici”.
 
Gli argomenti hanno permesso di evidenziare come, nella “piramide” alimentare, latte e derivati occupano un ruolo strategico. 
“La loro assunzione è consigliata per raggiungere un equilibrio nell’alimentazione e, in primis, per soddisfare il fabbisogno di calcio, particolarmente prezioso nell’età che avanza” ha spiegato Evangelista. 

Il dibattito si è esteso anche alla patologia legata alla intolleranza al lattosio e su come conciliare esigenze di sicurezza alimentare, nutrizionali, sensoriali nel rispetto delle esigenze salutistiche.  

“Per ottenere le tante bontà senza lattosio:latte fresco, mozzarelle, ricotta, caciotta, mozzarella per pizza – ha spiegato Evengelista il latte viene subito pastorizzato ed immediatamente dopo delattosato, applicando le buone pratiche di produzione e d’igiene così come il controllo dell’intero processo. L’alimento che trasformiamo in azienda ha una caratteristica unica: i profumi della natura grazie ai pascoli di collina e montagna dove vivono gli animali assicurando, nel contempo, i parametri di qualità e sicurezza che sono il nostro obiettivo primario”.  

Evangelista, a conclusione dell’incontro, ha affrontato il tema degli allevamenti di animali dove viene raccolto il latte dalla Del Giudice, presenti tra Molise e Puglia: a Spinete e Sepino, in provincia di Campobasso, e Putignano in provincia di Bari, certificati sia dal marchio dell’“Alta Qualità” che di “Agricoltura Biologica”.  

“Il “rispetto del benessere animale e la difesa della biodiversità ambientale sono al primo posto per la nostra realtà aziendale” ha concluso Evangelista.