Preside
La dirigente scolastica di Principe di Piemonte
TERMOLI –I computer dei bambini non si rubano”. È il monito lanciato dalla dirigente scolastica della scuola Principe di Piemonte di Termoli Rosanna Scrascia, all’indomani del “raid” notturno nell’edificio di Piazza Monumento e nell’adiacente Media inferiore “Bernacchia”. I malviventi hanno sottratto nei due plessi didattici, collegati tra loro, circa 50 computer portatili di cui 18 nella sola Principe di Piemonte, aperto complessivamente 3 cassaforti e prelevato poche centinaia di euro in contanti lasciando però a soqquadro le due scuole e seminando danni in quasi tutte le aule.

In particolare hanno sottratto i Pc portatili riposti in un carrello della elementare e preparati per l’avvio di alcuni progetti di potenziamento didattico pomeridiano legati alla matematica e robotica.

Sull’episodio sono in corso le indagini dei Carabinieri. La dirigente Scrascia, negli ultimi mesi, aveva più volte sollecitato l’Amministrazione comunale a dotare la scuola di un sistema di allarme ed oggi, a seguito del grosso furto perpetrato nell’edificio, la questione è divenuta di particolare urgenza. La stesa preside ha tenuto un incontro in Comune per sottolineare la necessità di procedere al più preso.“Le porte delle aule sono state tutte rotte” sottolinea la dirigente impegnata ora a riorganizzare le attività ed a procedere con le riparazioni necessarie.