Gli edifici in costruzione
Gli edifici in costruzione
TERMOLI _ La Guardia di Finanza “visita” a sorpresa il Comune a Termoli. I finanzieri si sono recati negli uffici municipali per la visione di una serie di fascicoli.

Le Fiamme Gialle hanno acquisito anche una serie di documenti e faldoni dal settore urbanistico in merito ad un contenzioso in corso riferito ad un immobile in fase di costruzione nei pressi di Piazza Giovanni Paolo II di Termoli e la relativa cessione di un’area verde da parte del costruttore Del Re.

Sul caso ci fu un esposto-denuncia in Procura a Larino dalla scorsa minoranza comunale a seguito di una operazione urbanistica effettuata dal Comune di Termoli dall’ex sindaco Greco.

Questa la denuncia dei consiglieri di minoranza nel corso di una conferenza stampa il 17 marzo del 2009 allorquando illustrarono una interrogazione all’allora sindaco Greco con la quale contestarono l’accordo di programma stipulato tra la società Azur ed il Comune di Termoli. Nell’ambito di questa intesa la società Azur si impegnava a cedere al Comune un’area verde a compensazione della possibilità di costruire. Su quest’area verde pende un contenzioso giudiziario tra i proprietari per cui, secondo Montano e Spezzano, questa cessione non poteva permettere alla società Azur di cedere il terreno che di fatto bloccava l’accordo di programma.

 “La Azur, d’accordo con il Comune, aggira l’ostacolo _ dichiararono all’epoca i consiglieri _. E’ stato anche rifiutato da parte di alcuni notai della città di fare questa cessione del terreno. A nostro avviso questa tipologia di accordo o rappresenta un precedente gravissimo perchè permette la monetizzazione del verde a discapito dell’interesse pubblico in particolare perchè ci troviamo di fronte ad un accordo di programma ed il Comune dovrebbe tutelare l’interesse pubblico invece che il privato. E’ una vicenda ancora più grave se si pensa alla situazione venutasi a creare con la lottizzazione Fede proprio sulla questione del verde. Sono due gli aspetti poco chiari: l’accordo di programma si basa su una semplice scrittura privata e non un atto notarile e, secondo, viene indicata solo in via generale una seconda area verde qualora si dovesse perdere il contenzioso giudiziario”.