myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

Nel primo pomeriggio del 24 febbraio una pattuglia della Capitaneria di Porto impegnata in controlli di polizia ha fermato fuori dal porto di Termoli un furgone adibito a trasporto di prodotti alimentari freschi, con a bordo mezza tonnellata circa di vongole veraci, mancante di idonea documentazione di trasporto. Il furgone era diretto presumibilmente  al mercato della Campania. I molluschi sono stati sequestrati ed al contravventore è stata elevata una sanzione amministrativa di 2000 euro. Il trasportatore aveva caricato il prodotto in porto senza il rispetto delle rigorose formalità prescritte a tutela del consumatore dalla normativa comunitaria e nazionale in vigore.

In particolare, la partita acquistata mancava della documentazione prescritta per dimostrare origine, qualità e freschezza del prodotto, che è alla base delle informazioni che in qualunque stadio della commercializzazione devono essere disponibili per il controllo e per i consumatori (etichettatura).

Le vongole, comunque, ispezionate dal locale servizio sanitario dell’Asl sono state giudicate in buono stato di freschezza e rigettate in mare, anche allo scopo di contribuire utilmente alla ricostituzione dello stock di provenienza.

Non è la prima volta che gli uomini della Capitaneria mettono le mani su grosse partite di molluschi bivalvi commercializzati irregolarmente: lo scorso dicembre una pattuglia di militari aveva sequestrato sull’Autostrada A14 una tonnellata di cozze dirette in Puglia.

I controlli in questione rientrano tra quelli normalmente espletati sulla filiera della pesca dalla Capitaneria su tutto il territorio regionale. In materia di prodotti ittici l’attenzione è massima, perché la salubrità di pesce, molluschi e crostacei è un valore strettamente connesso alla tutela della salute pubblica ed essa dipende in maniera fondamentale dalla sicura provenienza di tali prodotti. Tutti i controlli eseguiti mirano ad impedire ogni rischio d’immissione in commercio di prodotti provenienti da zone in cui la pesca è interdetta per motivi sanitari e ambientali o la possibilità di frodi in commercio.

Articolo precedenteConvalidato il fermo dei due presunti assassini. Oggi i funerali di Raffaele Scala. Sconvolti dal dolore familiari e fidanzata
Articolo successivoIl Comune pubblica bando per sistemazione marciapiedi del centro e periferia di Termoli