CAMPOBASSO _ È con gioia e con orgoglio che salutiamo la decisione della corte costituzionale di sancire l’ammissibilità dei tre quesiti referendari proposti dall’Italia dei Valori contro la privatizzazione dell’acqua, il ritorno del nucleare e il legittimo impedimento. Una battaglia per la democrazia e per la tutela dei diritti e della salute dei cittadini che ha ottenuto grandi risultati anche in Molise. Per ben tre mesi siamo stati impegnati nelle piazze della nostra regione, per ben tre mesi siamo stati presenti sul territorio con gazebo e postazioni mobili per la raccolta delle firme. Siamo stati lasciati soli ma siamo andati dritti al traguardo grazie alla straordinaria risposta dei molisani.

A loro e a tutti i volontari e militanti del partito impegnati in questa importante impresa, in qualità di segretario regionale, rivolgo il mio ringraziamento. Oggi abbiamo la conferma che ogni singola firma ha avuto un ruolo importante. Oggi possiamo dire a tanti cittadini che hanno reso possibile il raggiungimento dell’obiettivo, che la loro firma non è andata perduta. Con il referendum, ultimo strumento di democrazia, sarà il popolo a decidere il futuro che vuole in materia di acqua energia e giustizia. Ancora una volta l’Italia dei Valori ha dimostrato di essere in prima linea per la difesa dei diritti dei cittadini. Siamo orgogliosi di aver contribuito a questa vittoria.

Pierpaolo Nagni Segretario Regionale IdV Molise

Articolo precedenteMaurizio Tiberio, consigliere provinciale lascia il centro sinistra e sbarca nel Pdl
Articolo successivoFinanziaria regionale 2011: maxi-emendamento della maggioranza e sfiducia della minoranza