CircoloVelaSociTERMOLI – Si sono da poco conclusi a Termoli i campionati nazionali giovanili e i campionati nazionali “Open” di vela che si sono svolti dal giorno 8 al giorno 11 settembre. Alla manifestazione organizzata dal “Circolo vela Termoli” hanno aderito oltre 400 atleti provenienti da tutta Italia. Queste manifestazioni sportive che coinvolgono gli adolescenti sono utili e necessarie per promuovere e valorizzare il senso della sana competizione, l’importanza del sacrificio e sopratutto del RISPETTO delle REGOLE e dei REGOLAMENTI. 


Ammainate le vele è però doveroso analizzare alcuni atti amministrativi inerenti la manifestazione e adottati dall’Amministrazione comunale presieduta dal Sindaco Avv. Angelo Sbrocca.
Il Settore LL.PP su richiesta datata 08/08/2016 avanzata dal Dirigente al Patrimonio nonché Segretario Generale Vito Tenore, predispone un progetto per la realizzazione di una pavimentazione da realizzare nell’area adiacente il polo velico situata all’interno della recinzione che delimita l’area riservata ai soci.
Costo dell’opera comprensiva di oneri è di circa 50.000 euro. Perché il Comune ha sostenuto questa spesa visto che i lavori hanno interessato un’area non fruibile dalla collettività bensì esclusivamente dai soci del Circolo vela Termoli?

La risposta è contenuta nella Determinazione nrg 1239 del 16/08/2016, che richiama la convenzione di concessione dell’area sottoscritta tra Comune di Termoli e il Circolo Vela Termoli, dalla quale si evince che “VISTO l’art. 22 del citato atto ( Rep.n.1844 del 28/01/2014) che prevede tra gli obblighi a carico del Comune la manutenzione straordinaria dell’area oggetto della concessione…

Pur non avendo delle competenze tecniche supponiamo che ci sia una grande differenza tra la manutenzione STRAORDINARIA e la REALIZZAZIONE di un’opera ex novo, nella fattispecie una pavimentazione. È stato sufficiente andare su google maps per constatare che dove ora vi è la pavimentazione prima vi era solo terra battuta, tranne qualche lembo di cemento.
MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI COSA?
Nella sopra citata determinazione si legge che “considerato che dalla richiesta 08 agosto dei lavori all’inizio della manifestazione 09 settembre intercorre un periodo inferiore ai 30 giorni si è provveduto all’affidamento diretto dei lavori senza effettuare nessun sondaggio di mercato…
Il fatto STRANO è che la richiesta dell’autorizzazione paesaggistica relativa al lavori richiesti in data 08 agosto, è stata inviata alla Regione Molise in data 11 luglio e rilasciata dalla stessa in data 25 luglio c.a. (aut. n. 160149/cb)-
Quindi il fatto CURIOSO che ne deriva è rappresentato dal fatto che in buona sostanza viene richiesta l’autorizzazione paesaggistica per la realizzazione di un’opera di cui il settore richiedente non ne conosceva l’esistenza!!!

Andando oltre i tecnicismi della vicenda sarebbe interessante sapere i motivi per i quali l’amministrazione comunale ha deciso di impiegare 50.000 euro per la famigerata manutenzione straordinaria di un’area chiusa al pubblico piuttosto che utilizzarli per le ben più urgenti manutenzioni di cui i cittadini necessitano come, ad esempio, quella delle strade e quella del depuratore situato al porto.

P.S. Ci sorprende ed al contempo ci indigna vedere quel cartello all’ingresso!

Ciro Stoico & Andrea Salome