TERMOLI _ “Dai Sette Vizi Capitali alla Cabala Contemporanea”

il titolo della mostra d’arte dell’artista abruzzese Giancarlo Costanzo in programma a Termoli presso la Galleria Archetyp art di via Marconi dal 7 al 20 febbraio. L’inaugurazione della rassegna pittorica è prevista per sabato 7 febbraio ore 18.30. L’esposizione ha come direttore artistico Antonio Picariello e vede l’organizzazione di Nino Barone. Per la critica la pittura di Costanzo rievoca una: “visione percettiva, toccata dai sensi, capace di trasmutare le immagini mentali, il teatro magico ordinato e captato dalla sensibilità sottile dell’artista, in relazione concreta con il realismo contadino costruito nel figurativo, ma latente al mondo segreto della narrazione che sfora le canoniche abitudini della storia ed evoca vizi e virtù del proprio tempo.

Altrettanto commenta la vocazione espressiva di Giancarlo Costanzo per la sua complessa narrativa contemporanea. Qui si racconta in frammenti sintetici l’anima del Novecento e i sintomi dell’ultimo millennio presentando il corpo visivo come poetica del simbolo narrato per scorci significativi e saldati, in una sorta di fantastica genetica della visione, l’incarnazione della storia e gli organi espressivi dell’arte.

Si vive e rivive, in quieta presentazione, il battito cardiaco che pompa simultaneamente immagine pittorica e parola: segreto visivo e segreto del titolo che riformatta il segreto del discorso acceso dai segreti celati tra gli intertizi silenti dei processi lineari degli avvenimenti. Sono bagliori emotivi estratti come d’incanto da una lingua occulta e manifesta che Gaston Bachelard mise a suo tempo a disposizione delle riflessioni degli uomini per rinvigorire la conoscenza e la ricerca oltre i limiti dati agli uomini comuni”.