TERMOLI _ Sopralluogo oggi nel cantiere edile sequestrato dello Iacp in via dei Ciclamini dei periti di parte e del Ctu nominato dal Tribunale di Larino per fare luce sull’infortunio mortale di Antonio Splendido, il muratore foggiano morto il 26 giugno scorso. L’uomo è caduto a seguito della rottura di una tavola da circa 6 metri d’altezza.

L’ingegnere Fusco di Foggia  Ctu del Pm è stato incaricato di accertare le effettive responsabilità nella tragedia e la dinamica dell’incidente.

I tecnici che erano impegnati nel cantiere come il responsabile della sicurezza, il direttore dei lavori e le altre figure professionali hanno a loro volta nominato un consulente di parte. Il difensore di uno dei professionisti, il penalista Domenico Bruno sottolinea che la Procura di Larino ha indicato d’ufficio le varie figure presenti nel cantiere al momento dell’apertura dell’inchiesta ma saranno note tra 60 giorni le risultanze peritali sulla base delle quali si stabiliranno le effettive responsabilità nel decesso di Antonio Splendido.