myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

ROMA _ Si è discusso questa mattina in aula al Senato un ordine del giorno in materia di testamento biologico. Il senatore dell’Idv Giuseppe Astore, intervenendo in assemblea, ha invitato il Governo a dare nuovo impulso alla realizzazione del piano straordinario per la costruzione di hospice nelle Regioni italiane e stigmatizzando l’assenza nel provvedimento di misure a sostegno delle famiglie che ospitano malati gravi e non autosufficienti.

Credo che in Italia si debba fare molto – ha affermato l’esponente dell’Idv – non dimenticando che i primi hospice furono deliberati nel 1998. Fu previsto un piano straordinario che ogni Regione italiana avrebbe dovuto realizzare in concreto, ma che non tutte riescono a portare a compimento per inadempienze di ordine amministrativo che, come al solito, si ripercuotono sul malato.

Nella mia Regione, ad esempio, è stato costruito un hospice che funziona, anche se comunque l’attuale Governo deve portare questo piano a compimento. In considerazione delle precedenti esperienze, non possiamo non stupirci del fatto che insieme a questo disegno di legge non sia stato affrontato anche un problema di grande rilievo: le famiglie. Spesso qualcuno si riempie la bocca della parola “famiglia”, ma noi preferiremmo che questi ammalati rimanessero in famiglia piuttosto che negli hospice. Quale che sia la scelta adottata, è necessario un aiuto forte e sostanziale. Questa era l’occasione per portare avanti una riflessione seria sugli ammalati gravi e sui non autosufficienti”.

Il senatore Astore illustrando poi l’emendamento da lui presentato ha affermato: “Ritengo che la dizione: «tener conto dei princìpi» non costituisca un linguaggio costituzionale. Pertanto abbiamo presentato diverse su questo argomento, ma in particolare abbiamo sottolineato il fatto che la Costituzione si rispetta e si applica. Di conseguenza, non si può semplicemente dire: «tenendo conto dei princìpi di ordine generale». Il senso delle proposte che recano la mia firma è quello di riconoscere alla norma costituzionale il rango che le compete, quello cioè di norma sovraordinata alla quale le altre norme si devono adeguare”.

Articolo precedenteLe buste gialle della differenziata sparpagliate dal vento su strade e viali. I residenti: “Questa mattina nessun ritiro”
Articolo successivoLe associazioni dei consumatori insieme in un convegno per “Sportello itinerante”