CAMPOBASSO – “Siamo stati inseriti in un girone decisamente di ferro con Piemonte, Sicilia, Puglia e Marche e i ragazzi hanno risentito eccessivamente della differenza di livello tecnico. Il nervosismo, poi, ha fatto il resto”. Così il tecnico Mauro Bernardo ha commentato la prestazione della delegazione della Fitet Molise alle finali della Coppa delle regioni che si sono svolte a Molfetta.

“Il livello quest’anno si è notevolmente alzato e in campo sono scesi davvero dei piccoli campioni. La nota positiva, comunque, – ha rimarcato il tecnico Bernardo – è che i ragazzi si sono sciolti partita dopo partita, riuscendo a riconquistare fiducia nei propri mezzi. C’è poi da evidenziare che come selezione eravamo la più giovane d’Italia avendo portato a Molfetta ben tre ragazzi nati nel 2000. Il nostro obiettivo, infatti, – ha concluso il coach Bernardo – è quello di aggiudicarci la Coppa delle regioni fra tre anni al massimo, per dar modo e maniera alle nostre giovani racchette di maturare”. Dopo l’uscita al girone nel tabellone principale Adriana Ruscitto e Camilla Marinelli si sono rifatte, seppur in parte, nel tabellone dei ripescati, denominato Torneo di consolazione, attestandosi rispettivamente al 9° e al 5° posto. Da rimarcare, infine, che la Marinelli ha perso contro la siciliana Roberta Siena che poi si è aggiudicata il titolo italiano.