myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

CAMPOBASSO _ Il 27 gennaio del 1944, le truppe alleate, aprendo i cancelli del campo di concentramento nazista di Auschwitz, in Polonia, annunciavano al mondo il concretizzarsi, ad un tempo, della “più grande” sconfitta e della “più grande” vittoria dell’umanità. Un’umiliante sconfitta, perché l’umanità prendeva atto che la follia ideologica, la scelleratezza razzista, il fobico odio religioso e il vile interesse economico, di un regime privo di scrupoli, come quello nazista, aveva portato allo sterminio, programmato e organizzato, di oltre sei milioni di esseri umani colpevoli solamente di essere ebrei.

Ma fu anche una grande vittoria in quanto, quella stessa umanità che non seppe fermare Hitler e i suoi seguaci, già ai tempi delle leggi razziali, era riuscita a trovare al suo interno i giusti anticorpi per estirpare il male e impedire che altri milioni di ebrei continuassero ad essere annientati. Una vittoria a cui seguì con la giusta ed opportuna autocritica storica, culturale e politica, e la capacità delle nazioni che presero parte alla seconda guerra mondiale, di rendere onore alle memoria di tutte le vittime del conflitto, e segnatamente, a quelle ebraiche.

E’ dunque dovere di ogni essere umano, di ogni cittadino di uno Stato libero e democratico, di ciascun componente di una civiltà evoluta e tollerante, avere memoria di quei tragici eventi, dell’immenso numero di vittime che determinarono e del lancinante dolore che generarono. Ma è altrettanto imperativo lavorare quotidianamente, nel piccolo e nel grande della responsabilità individuale e collettiva, per far si che i focolai dell’odio, del razzismo, dell’intolleranza e della prevaricazione, non abbiano più a divampare.

Gli ultimi mesi hanno visto, nella nostra Europa, come in altre parti del mondo, episodi di intolleranza, di negazionismo, fino ad arrivare, addirittura, alla giustificazione, più o meno velata, della follia criminale nazista di persecuzione del popolo ebraico. Questo non può essere accettato da una società moderna e con radici culturali e religiose che da sempre sono esempio di tolleranza, solidarismo e rispetto umano.

E’ quindi chiaro che dobbiamo ancora difendere le sei milioni di vittime della Shoah dal superficialismo, dalla distorsione della storia e dalla lettura faziosa e ingiusta di fatti e di circostanze che fecero dell’olocausto ebraico una delle pagine più buie e vergognose della storia dell’uomo. Siamo quindi tutti mobilitati (Istituzioni, mondo della scuola e dell’Istruzione, società civile in tutte le sfaccettature) per gridare un convinto mai più odio razziale, mai più odio religioso, mai più odio di classe, mai più odio di un popolo.

Articolo precedenteL’ Onorevole Anita Di Giuseppe si mobilita a sostegno dei produttori di cereali
Articolo successivoLa Fim-Cisl convoca per domani mattina riunione del sindacato. Si parletà della crisi Fiat