Video intervista
Francesco FiardiTERMOLI – La pista ciclabile sul lungomare nord non piace agli operatori commerciali della zona. Francesco Fiardi, titolare dell’area di servizio situata nella periferia nord della città, punta il dito sull’inutilità dell’opera realizzata dalla scorsa amministrazione comunale che, oltre ad aver ristretto notevolmente la carreggiata, ha causato notevoli problemi agli stabilimenti balneari nel corso dell’estate.
Per Fiardi è necessario cambiare anche la direzione di marcia del senso unico che, attualmente, dalla periferia conduce in centro in quanto sta minando in maniera irreparabile diverse attività del lungomare, ormai sull’orlo del tracollo.

“Questa pista è inutile, tra l’altro non passa nessuno durante l’anno ed è diventata quasi dannosa anche per chi posteggia – ha aggiunto l’imprenditore -. A mio avviso bisogna abbatterla”.

Fiardi, poi, denuncia: “Abbiamo perso quasi l’80 per cento degli introiti a causa di questa situazione. Così non si può andare più avanti”. Fiardi ha sollecitato l’Amministrazione comunale a rivedere tale situazione al più presto quantomeno cambiando il senso unico. “In alternativa, visto che durante il periodo invernale non ci sono auto in sosta in questa zona che è quasi completamente vuota, si potrebbe pensare al ripristino del doppio senso di circolazione”.

Articolo precedenteOlio in corto entra nel vivo. Registi al lavoro nelle campagne
Articolo successivoCommemorazione dei caduti di tutte le guerre a Montenero il 4 novembre
Giornalista professionista, Direttrice di myTermoli.iT e myNews.iT e collaboratrice AnSa

2 Commenti

  1. Povera Termoli.
    Con personaggi di questo calibro, Termoli non potrà avere mai un grande futuro. E pensare che corriamo il rischio di continuare ad essere amministrati da questi soggetti, risultano essere il Signor Fiardi tra i primi dei non eletti.

  2. 80%
    visto che FIARDI si lamenta tanto, perche non si rende utile, almeno per una volta, alla collettività. caro Fiardi togli quel maledetto distributore dal lungomare e restituisci quello spazio ai legettimi proprietari: i Termolesi.