myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623
CAMPOBASSO – “Sulla fecondazione eterologa il Molise vive anni indietro”. Lo dichiara il consigliere regionale di Termoli Filippo Monaco che ha presentato una mozione in consiglio regionale con la quale chiede di seguire in tempi brevi l’esempio della Toscana.
Soltanto a giugno la Giunta regionale ha, infatti, promosso una delibera con cui istituire una Commissione Regionale per la Procreazione medicalmente assistita al fine di fornire supporto alla Direzione Generale per la Salute nella predisposizione di una bozza di regolamentazione in materia – ha commentato Monaco -. E’ per questo che ho deciso di impegnare il Consiglio regionale a seguire l’esempio della Toscana, unica Regione ad aver adottato un testo per consentire ai propri cittadini la possibilità di utilizzare la fecondazione eterologa in tutti i centri di procreazione medicalmente assistita”.

In Molise è necessario attivare un registro di tutti quei centri dove sono praticate tecniche diverse dal concepimento naturale. “La fecondazione eterologa apre le porte a tutte quelle coppie che in questi anni sono state impossibilitate ad utilizzare tecniche alternative al concepimento naturale per via delle restrizioni della legge 40/2004 – ha concluso Monaco -. Credo sia fondamentale che anche la nostra Regione sia al passo con il resto del Paese ed è proprio questo il fine della mia mozione: che anche i nostri cittadini abbiano la possibilità di usufruire di prestazioni medico sanitarie nel loro territorio e non più fuori regione”.

Articolo precedenteRicostruzione, trasferiti altri 2 miloni di euro a Protezione civile
Articolo successivo“Troppi abusivi sulle spiagge”, l’allarme dei commercianti.

3 Commenti

  1. mozione
    Fra le tante mozioni manca una molto importante per i cittadini: accesso alla spiaggia libera per mezzo di varchi pubblici tra un residence e l’altro sia sul litorale nord che sud di Termoli.
    Da un ex vice Sindaco, ex consigliere comunale e politico impegnato aspettiamo una mozione su questo argomento oltre che la soluzione del problema. Non ci basta la solita risposta- scaricabarile ” è competenza solo del Sindaco e della sua giunta”.
    Muoviamoci in tempo che risolvere questo problema per la prossima estate.

  2. politica concreta
    Fare politica con una mozione dopo l’altra serve solo alla visibilità di chi propone tanti argomenti senza raggiungere risultati concreti.Basta! Un poco di rispetto per chi vive con settecento euro al mese.

  3. mozioni
    L’appetito vien mangiando.
    Ogni giorno una mozione.
    Sono stati trattati tanti argomenti(Liceo Sportivo a Termoli, invito ad un maggior impegno da parte degli onorevoli molisani, fermo pessca a Termoli,statale 16 pericolosa, fecondazione eterologa, difesa della Corte d’Appello regionale …..)
    Ma finora che risultati sono stati conseguiti?
    Mozioni, mozioni e mozioni.
    Chiacchiere, chiacchiere e chiacchiere.
    Tutto questo “lavoro” in attesa che arrivi il “ventisette” del mese per intascare la vergognosa indennità da consigliere regionale.