Girolamo Lapenna è stata una personalità che ha creato le basi del Molise moderno con un’apertura mentale molto ampia pensando a progetti che resistessero nel tempo e creassero occupazione e benessere sociale ed economico tenendo le basi ed i principi di un grande partito quale è stata la Democrazia Cristiana che ha saputo interpretare le istanze dell’epoca traducendoli in programmi ed iniziative concrete”. Lo ha dichiarato ieri pomeriggio, nell’Auditorium del Nucleo industriale di Termoli, il Presidente della Regione Molise Michele Iorio nel corso del convegno dedicato alla figura del parlamentare termolese Lapenna, sindaco di Termoli, parlamentare per numerose legislature ed esponente del Governo.

La manifestazione dal titolo “Il disegno e l’impiego di Lapenna per lo sviluppo economico del Molise. Oltre gli anni”, organizzata dalla Regione Molise in collaborazione con il Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Valle del Biferno, ha visto come protagonista assoluto Lapenna ed un pezzo importante della storia di Termoli ricordata da Giovanni Di Giandomenico, professore ordinario dell’Università degli Studi del Molise. A ricordare la grande figura politica di Lapenna, l’Assessore regionale alla Programmazione Gianfranco Vitagliano tra i relatori dell’inizativa che ha riscosso numerosi consenzi insieme al Direttore del Dipartimento Politiche di Sviluppo del Ministero dell’Economia, Aldo Mancurti.

Dall’apertura dei lavori, effettuata da Di Giandomenico alle 16, sono state ripercorse tutte le azioni politiche intraprese dall’onorevole Girolamo Lapenna per favorire l’industrializzazione e lo sviluppo del Molise nel forte confronto con le forze conservatrici e di opposizione. Il Ministro degli Affari regionali e per le autonomie locali Raffaele Fitto, tra gli invitati al convegno, a causa di un consiglio dei ministri straordinario, non è potuto intervenire ma nel tardo pomeriggio, intorno alle 18.20, ha telefonato parlando alla folta platea presente nell’auditorium del Consorzio. Fitto, nel suo intervento telefonico, ha parlato della politica per il Mezzoggiorno d’Italia ed ha sottolineato come il Molise: “tra le regioni a statuto ordinario è quella tra le più piccole ma con una crescita occupazionale superiore alla media del Mezzoggiorno”.

Il Ministro ha salutato con calore tutti i presenti ed ha annunciato che presto sarà a Termoli e nel Molise. Grande consenso, dunque, il convegno su Lapenna considerato il “padre” dello stabilimento Fiat della città e di una serie di opere pubbliche indispensabili per la crescita non solo della città ma della costa molisana.