myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

Il Consigliere regionale Romano
CAMPOBASSO _ “La crisi economica colpisce di più le imprese e le attività produttive a basso tasso di innovazione tecnologica. L’Italia è il Paese che investe meno di tutti gli altri paesi europei in ricerca scientifica, così come risulta dal rapporto annuale EIS (European Innovation Scoreborad 2008) e secondo cui il nostro Paese si colloca al 22° posto”. E’ quanto afferma il consigliere regionale dell’Idv Massimo Romano.

“I massimi esperti del settore concordano sul fatto che incrementare gli investimenti pubblici e privati in ricerca e sviluppo possa accrescere la competitività del sistema industriale con incremento dell’occupazione e del fatturato delle stesse. Queste le premesse che mi hanno spinto a presentare una proposta di legge regionale recante “norme in materia di promozione della ricerca scientifica e dell’innovazione nel sistema produttivo regionale”. Si tratta di una iniziativa legislativa che colma un vuoto dell’ordinamento normativo regionale, regolando i rapporti tra la Regione ed il sistema della ricerca nel suo complesso, mettendo in comunicazione tutti gli attori socio-istituzionali ed industriali interessati.

Alla luce degli ingenti finanziamenti pubblici di provenienza comunitaria di cui la nostra Regione disporrà nel ciclo di programmazione 2007/2013 (rispetto alla cui spesa purtroppo siamo drammaticamente in ritardo) è indispensabile che si attivino meccanismi di partecipazione di tutti gli interlocutori al fine di individuare le azioni e le misure e le relative priorità di investimento. La legge si prefigge lo scopo di fare rete tra il sistema della ricerca e la trasferibilità dei risultati nel sistema produttivo regionale, incentivando gli investimenti privati nella ricerca e sostenendo con fondi pubblici ricercatori e aziende che ne applicano i relativi risultati. La proposta prevede altresì l’istituzione di una società pubblica, denominata Molise Ricerca spa, con la missione istituzionale di attuare operativamente i programmi di investimenti in ricerca scientifica e tecnologica e monitorare la trasferibilità dei risultati ai processi produttivi”.

“I settori industriali che più di altri necessitano di investimenti pubblici in ricerca ed innovazione per arginare le ricadute della crisi economica – conclude Romano – sono l’industria tessile, dell’arredamento, dell’agroalimentare e dell’automazione. Tutti settori presenti in modo significativo Molise e sui cui un programma di investimenti di questo tipo potrebbe dare frutti inaspettati. Piuttosto che continuare ad erogare finanziamenti a fondo perduto che spesso vengono utilizzati per tutt’altri scopi, un piano strategico di investimenti in ricerca e sviluppo potrebbe davvero stimolare ed incentivare una ripresa produttiva determinata e vincente.”

Articolo precedentePensionato larinese minaccia vedova al telefono dopo litigio condominiale. Denunciato dai Carabinieri
Articolo successivoProposta di legge da parte del Pd per l’Istituzione di Parco archeologico nel sito di Castel San Vincenzo