myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

Il Cervo è il personaggio chiave della rappresentazione di Castelnuovo. (Foto: Lorenzo Albanese)

CASTELNUOVO A VOLTURNO – A trent’anni dalla sua rinascita, Castelnuovo a Volturno si prepara a far rivivere la pantomima de ‘Gl Cierv’. Un rito antichissimo in uno scenario spettacolare ai piedi delle Mainarde. Un evento unico nel suo genere. Una manifestazione che ogni anno attira migliaia di persone nel piccolissimo paese di Castelnuovo al Volturno. Il Carnevale più rappresentativo della provincia di Isernia e tra i più importanti in Molise e nel centro sud Italia.

Come ogni ultima domenica di Carnevale si ripete il rito: al tramonto il cervo scende nel paese a devastare il centro del piccolo borgo frazione di Rocchetta a Volturno. Gli abitanti sono in agitazione e le varie figure (il cacciatore, il martino, le streghe) scandiscono le parti della messa in scena. Tra archetipi, espedienti teatrali, musica e scenografie bucoliche, Gl Cierv si ripeterà anche quest’anno in un programma articolato e ricco di contributi.

Accanto al Cervo è la Cerva, la compagna che lo segue nel suo destino di animale selvaggio. (Foto: Lorenzo Albanese)

Dalla mattina fino al tardo pomeriggio, Castelnuovo sarà il palcoscenico di numerose maschere ospiti, oltre al mercatino e alle varie attività organizzate dall’associazione culturale ‘Gl Cierv’.

BREVE PRESENTAZIONE E SIGNIFICATO
Il rito dell’Uomo Cervo, o meglio de “Gl’Cierv“, si ripete l’ultima domenica di carnevale, da un tempo immemorabile, a Castelnuovo al Volturno. Dopo il tramonto, l’unica piazza del paese che ha come cornice i monti Marrone e Castelnuovo, appartenenti alla catena delle Mainarde, diventa il pittoresco palcoscenico di una pantomima che coinvolge molti abitanti, sia come protagonisti sia come figuranti.
Il rito de “Gl’ Cierv” ha sicuramente due significati reconditi:
1. Parafrasi del significato primordiale del carnevale, l’antichissimo mito dionisiaco, nel quale il passaggio delle stagioni viene simboleggiato in maniera cruenta, dove, per la rinascita della natura, risulta indispensabile una morte sacrificale.
2. La figurazione di tutto quello che da sempre sconvolge l’animo umano: le radicate paure per l’irragionevole, l’incomprensibile, la violenza selvaggia della natura che sovrasta e, a volte, travolge.L’origine di questo carnevale, nonostante ogni possibile supposizione, resta oscura. Solo sulla genesi dei personaggi si avanza una qualche ipotesi. Tra essi, sono senz’altro il Cervo, il Martino e il Cacciatore i protagonisti del rito, nonostante la presenza della Cerva, evidentemente assimilabile al suo alter ego maschio, e delle comparse che completano la schiera degli interpreti della pantomima.

Il Cacciatore il personaggio dal duplice potere: può togliere la vita e restituirla. (Foto: Lorenzo Albanese)

PROGRAMMA DEL 19 FEBBRAIO 2023

ore 10:00 Visita al Museo della Maschera
ore 15:30 Il Mercatino del Cervo
ore 16:00 Gruppi folk “La Mascarata” e “Zig-Zaghini”
ore 16:30 L’Uomo Uccello
ore 17:30 Sfilata delle maschere
– Il Diavolo Di Tufara (Molise)
– Compagnia degli Zanni di Pescorocchiano(Lazio)
– Il Cucibocca (Basilicata)
– Survakari di Zemen (Bulgaria)
ore 18:30 Gl Cierv

A seguire:

– JamSession con Musica Popolare aperta a tutti
Stand enogastronomico riscaldato in una tensostruttura

INFO E CONTATTI ASSOCIAZIONE
Telefono 338 778 8993

Articolo precedenteBIT 2023, Ministro del Turismo Daniela Santanchè inaugura Stand Molise
Articolo successivoBelle emozioni ieri alla scuola secondaria Schweitzer