VenittelliLaura Report

TERMOLI – “I candidati del M5S sono molto nervosi. C’è Luigi Di Marzio “ilfuggitivo” che prima si rende disponibile a un faccia a faccia e poi spaventato dal dover rispondere a domande scomode scappa.

 E poi c’è Fabrizio Ortis che mi definisce “bugiarda”, solo perché ho ricordato quello che lui stesso ha ammesso pubblicamente: ovvero che suo padre è stato uno strettissimo collaboratore di Michele Iorio.
Votare il M5S al Senato significa votare i figli politici dello iorismo”.

Laura Venittelli