Il nuovo lido La Lampara

TERMOLI _ Doveva essere lo stabilimento più bello della costa molisana o, almeno, così erano gli auspici dei titolari del Lido Lampara di Termoli al momento dell’avvio di un rifacimento totale dello stabile. Ed invece così non è stato. Non solo, ma tutto è andato storto.

I lavori sono rimasti bloccati per due anni circa ed ora i proprietari li hanno completati presentando nel contempo un ricorso davanti al Tar Molise contro l’ordinanza di abbattimento predisposta dal Comune di alcune delle opere murarie realizzate, sembrerebbe al di fuori della cubatura prevista inizialmente.

Il Lido, ricostruito con pannelli prefabbricati, è stato completato in vista dell’imminente stagione estiva. La vincenda, piuttosto intricata, è ora al centro del ricorso al Tar Molise. Dal un lato il Comune preme per l’abbattimento di alcune opere, dall’altra la proprietà contesta tale provvedimento e pensa alla stagione balneare. Saranno ora i giudici amministrativi del Molise ad avere l’ultima parola sulla controversa questione.

12 Commenti

  1. Ancora carta bollata! a Greco & C. del turismo e della stagione balneare ” je ne può fregà de meno”!…

  2. … e gli altri termolesi si arrangino !
    Ma perchè i titolari non si sono accordati con il comune per far proseguire la passeggiata che è sulla Stella Marina?
    Potevano fare un nuovo stabilimento sotto la passeggiata favorendo la riqualificazione del lungomare.
    Invece hanno pensato solo al loro stomaco e al comune che gli fa notare che, con l’altezza esagerata che hanno raggiunto, non si potrà più passare con l’opera pubblica rispondono completando il tetto, addirittura con i lampioni !!!

  3. ma chi è il tecnico…?
    nel passato era chiaramente visibile il nome del tecnico progettista del lido : un geometra…!
    le numerose sentenze di cassazione hanno chiaramente sancito che, in base alla legge sulle professioni che al geometra non è concesso progettare NULLA in zona sismica (e termoli e’ zona sismica) anche se i calcoli sono redatti da un ingegnere o da un architetto, e la struttura del lido in questione è stata progettata “sembrerebbe” da un geometra, anche se i pannelli sono prefabbricati e quindi calcolati dal tecnico della ditta che li ha forniti……

    la concessione edilizia non doveva essere rilasciata, punto e basta.!!!

  4. Batsta con la Ceentificazione Selvaggia
    Bisogna rimpossessarsi del litorale, basta con OBBROBRI al limite della decenza. Ma chi si credono per costruire addirittura oltre il colmo della passeggiata e vogliono avere pure Ragione

    ABBATTETELO

  5. UN’AMMINISTRAZIONE CHE NON SI LASCIA CONVINCERE DA CHI PIANGE SEMPRE E F…E TUTTI
    LA LIBERA FRUIBILIA’ E’ VINCOLANTE . E SE LE ALTEZZE VANNO OLTRE QUANTO PREVISTO O SE IN OGNI CASO SPINTANEAMENTE CONCESSA LA PRIORITA’ ASSOLUTA RIMANE LA PUBBLICA FRUIBILITA’. SONO VERAMENTE COSTERNATO DA QUANDO UNA COSA DI TUTTI VIENE CONCESSA POI I CONCESSONARI HANNO PRESUNZIONE DI COMPORTARSI COME PROPRIETARI. MA NON VI E’ ANCHE UNA LEGGE DELLO STATO DOVE SE SI EVINCONO ILLECITI GRAVI SI DEVE REVOCARE LA CONCESSIONE?
    GRECO GARANTISCE SEMPRE LA PUBBLICA FRUIBILTA’ E NON VORREI CHE ADESSO IL TAR DA’ RAGIONE ANCHE A COLORO CHE INIBISCONO LA PUBBLICA FRUIBILITA’ SE CIO AVVENISSE GRECO NON TI FERMARE VAI ALL’ORDINARIA
    SPERIAMO CHE QUESTA VOLTA LA PASSEGGIATA SI POSSA VERAMENTE FARE SENZA ESSERE COSTRETTI A SCENDERE E RISALIRE.

  6. idem
    l’azione era quella inizialmente intrapresa dal Comune di ricorrerte al consiglio di stato dopo la prima sentenza del TAR Molise che dava parzialmente ragione al concessionario,ragione limitata al diniego del Comune al rilascio di sanatoria richiesta dai concessionari.Poi improvvisamente il sindaco,prima autorizzava di resistere in giudizio con ricorso al C.S.,successivamente recedeva dall’iniziativa del ricorso in Consiglio di Stato e bloccava il lavoro già iniziato dell’avvocato del Comune (Pappalepore).
    Da quel momento è scaturito tutto…sarebbe stato il più bello solo se….si preoccupavano i titolari di permettere all’Amministrazione di offrire con la passeggiata soprastante il lido una opportunità per il cittadino e il turista di godere dappieno del paesaggio.Nulla è perduto,gli amministratopri possono rinsavire e la Giustizia fare il suo corso-

  7. TAR SENTENZA CHE NON CAPISCO
    PER INTENDERCI IL TAR ED IN PARTICOLAR MODO QUELLO DEL MOLISE HA SEMPRE SENTEZIATO A FAVORE DELLA PUBBLICA FRUIBILITA’ INFATTI IL PRESIDENTE HA SEMPRE DECREATO PER LA PUBBLICA FRUIBILITA’ IN PARTICOLAR MODO SUL DEMANIO MARITTIMO. MI SEMBRA NON VERO CHE ABBIA POTUTO DARE PARZIALMENTE RAGIONE AL CONCESSIONARIO ANCHE PERCHE’ ALTRI TAR HANNO SEMPRE INDIRIZZATO LE RAGIONI SEMPRE A FAVORE DELL’USO PUBBLICO E NON IL CONTRARIO: MAH????? MAH?????? QUALCOSA NON QUADRA FORSE NON E’ PROPRIO COME SCRIVETE.

  8. libero
    dalla foto si nota un cancello, quindi non si può accedere . ma mi pare che l’ingresso ai lidi è libero come mai vi sono dei cancelli? ma quindi per andare al mare che un bene di tutti non si può passare ?

  9. perchè nessuno parla?
    SE prima c’era un’ingresso pubblico e c’era (scalinata)nessuno lo può chiudere.un altro ingresso privato è possibile richiederlo e ottenerlo,il problema serio è un’altro:Poteva completare la struttura viste le difformità edilisia e le normative sul Demanio? è bene chiarire, anche se è noto a tutti :lo stesso metro non sempre misura le stesse misure.con ordine :la sentenza del TAR MOlise ai concessionari permetteva di proseguire i lavori a suo tempo interrotti per difformità, il Sindaco Greco(a tutella dell’interesse della città) doveva resistere in giudizio e rivendicare il ripristino delle difformità dell’opera costruita come si evince dal progetto presentato a suo tempo in comune-Così inizialmente fu e il Sindaco dispose l’azione di preparazione del ricorso in Consiglio di Stato con il legale del Comune(amche ,istituzionalmente , sarebbe stato più corretto convocare la giunta e deliberare di resistere in giudizio),il sindaco ha forse preferito una diverso azione amministrativa che si rispetta ma non si condivide (sempre il metodo del metro)se non ha preferito agire come in alre circostanze lo chiarisca lui a chi di dovere.Nel frattempo i lavori di completamento del lido procedevano a rotta di collo senza nessun controllo ..(eppure sugli uffici giacciono pratiche edili …,cantieri bloccati da eccesso di zelo )quali motivi hanno spinto a non vedere ?Gli operai parcheggiavano quest’inverno le auto 300metri dalla Lampara ed entravano sul cantiere via spiaggia…c’era un motivo? da chi avevano ricevuto l’ordine di non farsi troppo notare e perchè?tutti li vedevano ,cittadini di passaggio che portano i figli a scuola in centro,quelli della passeggiata mattutina,tutti sapevano e tutti…perchè? oggi si dice che la struttura ricostruita ha carattere di amovibilità? chi lo dice,il concessionario…alcuni giorni fa vi è stato un sopralluogo …,tutto è stato rimandato o bonificato?questo ulteriore ricorso della Lampara al TAR è per sviare ulteriormente responsabilità?…il problema è l’amovibilità del manufatto? …Bè per togliersi i dubbi basta poco,ristabilire le verità…

  10. Pensate a cose più concrete
    Ma al fatto che avete un lungomare che sembra un cimitero tutto l’anno nessuno ne parla, il comune pensasse a cose più concrete, a far vivere questa città ed insegnare l’educazione visto che più si và avanti e più sembra una pattumiera a cielo aperto con tutte le buste della spazzatura che vengono lasciate in qualsiasi punto della città perchè a qualcuno pesa fare la differenziata, tutto ciò non si vede, forse qualcuno vorrà vedere Termoli come lo è stata Napoli

  11. controllori dove siete
    SCUSATE PERCHE’ VI SONO I CANCELLI HO LETTO CHE PER ANDARE SULLA BATTIGIA SI PU0′ ANDARE LIBERAMENTE, MA CON UN CANCELLO SEMPRE CHIUSO COME PUO’ ESSERE LIBERA LA FRUIZIONE DEL MARE? IL MARE E’ DI TUTTI O SOLO DEI CONCESSONARI? PARE CHE LORO HANNO IN CONCESSIONE SOLO L’ARENILE E NON IL MARE ( ACQUA)?
    CONTROLLORI DOVE SIETE O AVETE ALTRO DA GUARDARE??

  12. cosa c’è sotto il prefabbricato?
    in altre realtà vicino chi ha fatto del cemento armato sotto lo stabilimento è stato costretto dalla legge a spaccare tutto e ripristinare quanto previsto dalla normativa e cioè strutture di facili rimozioni e non blindi armati . Come mai nessuno ha proceduto a fare ciò che andava fatto? quindi il metro non è metro per tutti, il mio misura 100 centimetri !

Comments are closed.