Saverio Metere
Saverio Metere: «Voglio nascere a Termoli»

TERMOLI – Le vicende del punto nascita di Termoli al centro di una poesia in vernacolo termolese composta dall’architetto, scrittore e poeta originario della città adriatica Saverio Metere.

Da Milano, dove vive, Metere ha voluto comporre i versi dedicati proprio al reparto ospedaliero tornato attivo da pochi giorni. «Voglio nascere a Termoli» il titolo della lirica.
Metere scrive:Dove è nato mio padre, dove è nata mia madre, dove c’è S.Basso che è il mio Santo protettore. Io voglio nascere a Termoli e stare in grazia di Dio sulla sabbia calda a fianco al mare mio. Voglio sentire il profumo delle viole in primavera, il sole dell’estate e il freddo che è sincero. Il caldo del Garbino che fa scoppiare le orecchie, il maestrale estivo e il mare che sonnecchia. Io voglio nascere a Termoli! Anche se sono cinese perché sui documenti si deve leggere: è termolese!

VÓJE NASCE A TÉRMELE
Ando’ è náte pateme
‘ndo’ è náte mamma mi’
ando’ ce stá S.Bassele
che ‘hè ‘u sante mi’.

‘Hi voje nasce a Tèrmele
e stâ ‘n grazje de Ddi’
assòpe ‘a rèna calle
a ffianche au máre mi’.

Vòje senti’ ‘u profume
di’ vióle ‘n primavére
‘u sòle dell’estáte
e ‘u fridde ch’ é sengére .

‘U calle du’ garbine
ca fá scuppiâ i récchje
‘u majéstrále estive
e ‘u máre che sernécchje.

‘Hi vòje nasce a Tèrmele!
Pure se so’ cenèse
ch’ assòp’i documènte
cia’ lègge: è termelese!

VOGLIO NASCERE A TERMOLI

Dove è nato mio padre
dove è nata mia madre
dove c’è S. Basso
che è il mio Santo protettore.

Io voglio nascere a Termoli
e stare in grazia di Dio
sulla sabbia calda
a fianco al mare mio.

Voglio sentire il profumo
delle viole in primavera
il sole dell’estate
e il freddo che è sincero.

Il caldo del Garbino
che fa scoppiare le orecchie
il maestrale estivo
e il mare che sonnecchia.

Io voglio nascere a Termoli!
Anche se sono cinese
perchè sui documenti
si deve leggere: è termolese!

Saverio Metere