Apertura Morto Antonio Casolino: il “ragazzo” che amava il mare

Morto Antonio Casolino: il “ragazzo” che amava il mare

0

Di lui diceva: “Se rinascessi sarei sempre lo stesso, come mi diceva mia madre, col suo motto scolpito nella mia mente:” …addejune e sott’a Torre”.

Antonio Casolino, nato a Termoli il 12 dicembre 1927

TERMOLI – È morto a 94 anni Antonio Casolino, il più grande nuotatore termolese di tutti i tempi. Antonio Casolino era nato a Termoli il 12 dicembre 1927 e tutti i giorni, per mestiere, spaccava la legna e la vendeva in una legnaia vecchia Piazzetta, così lo descrive Saverio Metere nel suo vernacolo termolese: “Andonïe Casuline, ‘u cchjù bbráve nuótatóre de tutt’i timpe, pe’ mestire, tutt’i jurne, spacche ‘a lène e ‘a venne ‘nd’a n’u negòzïe de legname ‘nd‘a chjazzétte“.

Più volte campione del mondo nel master di fondo: nel 1994 a Montreal in Canada, nel 1998 nella 5 km in acque libere a Casablanca (Marocco) e nel 2004 a Riccione nella 3 km e titoli europei a Praga nel 1997 e in Slovenia sul Lago di Bled. Ha fatto due volte la traversata Termoli-Tremiti e una volta la Vasto (Punta Penne–Termoli) e tre volte quella del Tevere. Inoltre è stato campione in vasca di diverse discipline.

Di lui diceva: “Se rinascessi sarei sempre lo stesso, come mi diceva mia madre, col suo motto scolpito nella mia mente:” …addejune e sott’a Torre” che significa, saper soffrire, restare nel tuo paese, essere sempre fiero di te stesso senza scendere mai a compromessi”.

Necrologio Antonio Casolino (foto di fondo myNews.iT)

Nessun commento

Exit mobile version