myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

Un minuto di silenzio in consiglio comunale per ricordare Nicolino Di Michele.

TERMOLI – Il consiglio comunale di Termoli si è riunito dopo poco più di due settimane dalla scomparsa di Nicolino Di Michele, volendo rendere omaggio al suo impegno e alla sua memoria. L’assise civica ha dedicato un momento di raccoglimento, seguito da un sentito applauso, per commemorare l’ex consigliere comunale.

Dopo gli interventi di Antonio Bovio, Antonio Di Brino, Ippazio Stamerra, Vincenzo Aufiero, Marcella Stumpo, è stato il turno di Andrea Piero Capecce, che ha preso il posto di Nicolino Di Michele in consiglio comunale per surroga. Capecce ha sottolineato l’importanza del contributo di Di Michele e ha espresso gratitudine per l’opera svolta nel suo mandato.

Nicolino Di Michele, figura stimata e rispettata all’interno della comunità di Termoli, ha lasciato un segno indelebile nella sua attività politica, dedicandosi con passione e dedizione alla promozione del benessere della città e dei suoi cittadini. La sua prematura scomparsa ha lasciato un vuoto nella vita pubblica locale, ma il ricordo di Di Michele continuerà a ispirare coloro che hanno avuto l’opportunità di conoscerlo.

Il minuto di silenzio osservato in consiglio comunale rappresenta un tributo sentito e solenne a un uomo che ha lasciato un’impronta duratura nella vita politica e sociale di Termoli. La sua eredità sarà ricordata con gratitudine e rispetto, e il suo impegno per il progresso e il benessere della comunità rimarrà un faro per le future generazioni di politici locali.

Articolo precedenteSalute e il “cancro” delle liste di attesa
Articolo successivoLa storia di Davide interpella tutti
Tony Cericola
Web designer, videomaker, editore, copywriter e blogger. Da quando è nata internet mi occupo di costruire strategie digitali per le aziende. Il mio lavoro consiste nel trovare un punto di contatto creativo tra il mondo digitale, dei social media e gli obiettivi dell’azienda, costruendo un piano strategico ed editoriale. È importante individuare gli strumenti giusti, il budget e i canali media a disposizione per non disperdere le energie.