myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

CAMPOBASSO _ Gli operai forestali costretti a protestare sotto la neve per difendere un lavoro precario, rappresentano l’emblema della distanza tra la volatilità delle parole e la cruda realtà. 200 giovani molisani hanno perso il lavoro alla Sevel e insieme ad altri 400 interinali non rinnovati alla FIAT sono privi di reddito e di speranze. E sono alcune centinaia gli operai tessili, in gran parte donne, che negli ultimi mesi hanno perso il lavoro nelle imprese fasoniste dell’indotto Ittierre. Se si pensa che ad oggi non c’è ancora un tavolo per istruire le domande di Cassa Integrazione per queste aziende e per i dipendenti ancora in forza si ha l’idea dello sbandamento e del disagio che colpisce tante famiglie. La Solagrital ha messo fuori dalla produzione 96 addetti a tempo indeterminato e non rinnovato i contratti a termine a decine di precari. Molti allevatori e piccole aziende dell’indotto ARENA soffrono per i ritardi nei pagamenti e versano in situazioni difficili. 500 lavoratori diretti e stagionali insieme a centinaia di bieticoltori sono in attesa di capire il futuro dello Zuccherificio.

Stessa sorte per 200 lavoratori dei Pastifici attualmente in mobilità o che lavorano con la curatela fallimentare. Dai dipendenti della LARIVERA a quelli della Sata Sud, della Proma, AtMe, SanStefar, Cooptour, Cantieri Navali, ecc. c’è un espandersi della crisi che fa tremare i polsi. E quando anche un settore anticiclico come l’edilizia non assorbe manodopera, vanta crediti dagli Enti per lavori ultimati da tempo, non paga gli addetti e non apre nuovi cantieri, si è ad uno stadio di crisi drammatica.

Mi auguro che il vostro Appello all’unità e all’impegno di tutti per individuare soluzioni tempestive ed efficaci non cada nel vuoto come purtroppo è accaduto col condivisibile Decalogo della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana del 25 febbraio scorso. Le forze di Minoranza sono pronte a fare la propria parte con spirito costruttivo e senso di responsabilità nell’esclusivo bene della popolazione amministrata.

                                                                                                                                                                 Michele Petraroia

Articolo precedenteLa nuova raccolta differenziata approda in Consiglio comunale dopo richiesta della minoranza
Articolo successivoAnnamaria Macchiarola, candidata del Pd alle Primarie a Campobasso, chiede attivazione Task-force su filiera pasta