altCAMPOBASSO – Al fine di scongiurare le perpetrazione di reati predatori e rendere sicura la viabilità del capoluogo molisano e delle principali arterie stradali i Carabinieri della Compagnia di Campobasso hanno intensificato i servizi di controllo del territorio nel fine settimana. Quattro le persone denunciate al termine dell’attività svolta dai militari dell’Arma. Un ventiseienne ed un trentaquattrenne sono stati sorpresi nel centro cittadino alla guida della propria autovettura in stato di ebbrezza alcolica. Anche un quarantenne di Sant’Elia a Pinanisi è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza; nei suoi confronti il deferimento è scattato a seguito di accertamenti che i Carabinieri hanno eseguito dopo aver rilevato un sinistro stradale autonomo e senza feriti causato dal denunciato il quale guidava l’autovettura nonostante avesse un tasso alcolemico decisamente superiore ai limiti consentiti dalla normativa in vigore.

A Campobasso un trentaseienne è stato segnalato al locale Ufficio Territoriale del Governo poiché i segni di nervosismo dimostrati durante un normale controllo hanno indotto i Carabinieri ad approfondire l’accertamento rinvenendo, a seguito di perquisizione personale, 20 grammi di marijuana. In Jelsi e Ripalimosani i Carabinieri hanno notificato ad un cinquataquattrenne e ad un venticinquenne il provvedimento dell’avviso orale; i due, gravati da precedenti di polizia, sono così stati formalmente invitati a tenere un comportamento corretto e rispettoso delle leggi. Incessanti i controlli del territorio anche in Riccia dove i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà un quarantaseienne campano.

L’uomo, gravato da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, era già stato individuato in quel centro qualche tempo fa dai militari e, non avendo nessun plausibile motivo per trovarsi lì, era stato proposto per l’emissione del foglio di via obbligatorio. Emessa e notificata la misura di prevenzione nei suoi confronti lo stesso è stato nuovamente individuato ed identificato dai Carabinieri in Riccia che hanno pertanto accertato la violazione alla prescrizione impostagli e lo hanno deferito alla competente A.G.