Galleria Fotografica Sambenedettese-Termoli.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella cornice del bellissimo stadio del Riviera de

Sambenedettese-Termoli 2 a 0
Sambenedettese-Termoli 2 a 0
lle Palme di San Benedetto del Tronto arriva l’ulteriore cocente delusione per il Termoli di Cesare e Catalano. Come già si pronosticava, La Sambenedettese non era certamente avversario da cui pensare di invertire il trend negativo e i circa 6mila spettatori lasciano subito intendere che non sarà facile per i giallorossi spuntare su quel terreno un risultato utile per sperare in una salvezza sempre più complicata.

Questi sinteticamente gli episodi più rilevanti dell’incontro. Anzitutto, come prevedibile, la squadra giallorossa parte subito con la formazione a due punte, che vede Di Rito centrale e Santoro appena sulla destra nel reparto di centroattacco, con Fulvio pronto a rinforzare in avanti. I ritmi delle due squadre sono da subito incalzanti e la squadra di Catalano appare concentrata in campo. I padroni di cercano di spingere da subito alla ricerca del gol e ottengono nei primi minuti un paio di pericolose sortite sotto la porta di Natali, ma la difesa termolese fa buona guardia.

Sono trascorsi appena 20′ che la squadra marchigiana però passa in vantaggio. Un clamoroso errore in fase di palleggio a centrocampo favorisce l’inserimento di Borgese che, con veloce assist su Napolano lasciato troppo libero, fa si che quest’ultimo si ritrovi lanciato verso la porta di Natali. Con un preciso diagonale, appena sfiorato dal portiere giallorosso, insacca impietosamente la sfera regalando la prima marcatura ai rossoblu della Samb. Un vero peccato, poiché il Termoli stava dando l’idea di poter controllare la partita e contenere la pressione della compagine marchigiana. Purtroppo, l’ennesima leggerezza in fase di allegerimento -in cui spesso la compagine giallorossa incappa!- vanifica tanto sacrificio. Adesso la partita per il Termoli è tutta in salita e comunque generosamente cerca di spingersi in avanti.

Dapprima Santoro viene atterrato da D’Angelo al limite dell’area, quando stava già pericolosamente avvicinandosi alla porta della Samb e successivamente è Caprioli a provarci a volo dalla distanza ma il portiere rossoblu Fulop blocca senza problemi. Ovviamente i padroni di casa cercano di sorprendere di contropiede la retroguardia giallorossa, che però appare ordinata e ben compattata dal capitano Ruggieri e da Simonetti. E’ proprio il capitano giallorosso a salvare la porta, opponendosi con una respinta su tiro dal limite di Cichella. A primo tempo quasi scaduto Napolano a far vibrare la traversa di Natali con punizione tesa dal limite dell’area. Le emozioni del primo tempo sembrerebbero finite quando addirittura il Termoli trova l’occasione di poter pareggiare i conti proprio sull’ultima azione del primo tempo: al 47′, su punizione a lato battuta dal generoso Caprioli, dalla mischia che ne consegue in area, capitan Ruggieri si ritrova con la palla davanti la porta di Fulop che gli si oppone chiudendo la porta. Un gol mancato, che forse avrebbe potuto cambiare il corso della partita.

Al secondo tempo non ci sono sostituzioni e il Termoli cerca disperatamente di spingere avanti alla ricerca del pareggio. E’ Di Rito a provarci con colpo di testa su cross di Santoro, ma la debole conclusione è bloccata senza problemi dal portiere marchigiano. La Samb comunque fa buona guardia e gioca di rimessa rendendosi più volte pericolosa nei pressi della porta di Natali, prima con Borgese e successivamente con NAPOLANO, ma entrambi le conclusioni fortunatamente non centrano lo specchio della porta.

Al 20′ è il neo entrato Carteri che sigla il due a zero per la Sambenedettese, con un perentorio stacco di testa sorprende il portiere giallorosso Natali, forse lanciatosi un po’ in ritardo. Si infrangono così le ultime speranze del Termoli di poter agguantare un pareggio e la successiva espulsione al 27′ del terzino giallorosso Dispoto fanno temere il peggio per il già pesante passivo. Non accadrà nulla di rilevante nell’ultimo quarto d’ora di gara, con la Samb che gioca di contropiede e il Termoli che cerca di spingersi avanti ma con grossa confusione nel reparto offensivo: la sostituzione di Di Rito con Maiorano sostanzialmente non cambia nulla. La Samb si renderà ancora pericolosa in contropiede ma Ruggieri e la difesa fanno buona guardia ed impediscono che la Samb dilaghi.

Gli ultras giallorossi, accorsi numerosi a questa trasferta al Riviera delle Palme, hanno reso onore ai colori della propria squadra con tifo accanito e costante sostegno ai propri giocatori, che hanno lottato e che infine hanno dovuto soccombere di fronte ad una compagine evidentemente superiore, anche se forse non proprio irresistibile. Questo ha fatto guadagnare applausi e rispetto anche da parte degli oltre 5mila ultras del “Tempio del tifo”. Purtroppo il Termoli adesso è il fanalino di coda della classifica: la situazione diventa sempre più critica e imbarazzante. Dagli allori dello scorso campionato alla decadenza di questo attuale: e questo proprio quando si sente annunciare da parte dell’attuale amministrazione termolese della futura realizzazione di una nuova struttura polivalente, sportiva e calcistica.

Galleria Fotografica
{gallery}/Sport/Termoli/TermoliCalcio/SambenedetteseTermoli2014:200:150:1{/gallery}

Forse occorrerebbe che Cesare e la società rimettano mano alla squadra e si ridefiniscano le ambizioni e le prospettive della compagine giallorossa, altrimenti tutto questo sembra solo una mera speculazione per la realizzazione di una “cattedrale nel deserto”. Se l’obiettivo alla fine della fiera è una dignitosa Eccellenza, lo storico stadio Gino Cannarsa, con i dovuti aggiustamenti e le dovute migliorie, basta e avanza…

SAMBENDETTESE: 1 FULOP 2 BALDININI 3 BOTTICINI 4 BORGESE 5 VALLORANI 6 PEPE 7 D’ANGELO 8 CICHELLA 9 TOZZI BORSOI 10 NAPOLANO 11 VALIM

TERMOLI: 1 NATALI 2 DISPOTO 3 SORIANELLO 4 SIMONETTI 5 RUGGIERI 6 POZIELLO CIRO 7 FULVIO 8 CAPRIOLI 9 DI RITO 10 POZIELLO RAFFAELE 11 SANTORO

ARBITRO: RICCARDO TURCHET di PORDENONE

ASSISTENTI: ALESSANDRO SALVATORI e MASSIMO DELLA CROCE di RIMINI