Le isole Tremiti (Foto di Nicola D’Emma)

ISOLE TREMITI – Presenze da record alle Isole Tremiti ad agosto grazie anche alla liberalizzazione dei trasporti di linea dei passeggeri dal porto di Termoli, principale punto di imbarco per le Diomedee. È anche “boom” di imbarcazioni da diporto nel mare dell’arcipelago. La conferma arriva dal gruppo ormeggiatori delle Diomedee che dichiara:“Mai avuta un’affluenza simile”.

Le isole, situate a 24 miglia dalla costa termolese, a seguito dell’emergenza Covid che ha imposto vacanze in Italia, stanno riscuotendo grandi consensi. Secondo le prime stime, c’è un afflusso di oltre 350 imbarcazioni al giorno anche grazie alla gestione dei nuovi campi boe.

Per il secondo anno consecutivo l’Ente Parco Nazionale del Gargano, in collaborazione con il Gruppo Ormeggiatori delle Isole Tremiti, porta avanti un progetto finalizzato a garantire sicurezza ai diportisti. Alla vigilia di Ferragosto si è già superato il numero di imbarcazioni ospitate durante tutta l’estate 2019.

Il “boom” di diportisti ha entusiasmato gli operatori dell’isola ma il sindaco Antonio Fentini, pur esprimendo soddisfazione, annuncia una imminente riunione con i responsabili del Parco nazionale del Gargano e un incontro con il Ministro dell’Ambiente Costa in occasione di una sua visita del Gargano il 24 agosto prossimo, per poter tutelare l’ambiente locale e, nel contempo, gestire al meglio l’ondata turistica.

È impressionante il numero di barche presenti – dichiara Fentini – però c’è anche chi non rispetta le regole: non portano le mascherine e non conferiscono correttamente i rifiuti. Per noi il paesaggio e questo ambiente è tutto. Abbiamo imparato a rispettarlo e desideriamo che chi arriva in questo luogo per le vacanze, lo faccia. Non possiamo giocarci l’ambiente in questo modo”.

Il primo cittadino sottolinea la presenza di gommoni provenienti da Puglia, Abruzzo e anche dal Molise pieni di gente con musica ad alto volume che sostano tutta la giornata sotto il sole disturbando anche la quiete di alcuni luoghi per poi lasciare anche in mare rifiuti non differenziati.

“Ci sono delle situazioni che non riusciamo a capire bene – aggiunge Fentini – su cui cercheremo di fare chiarezza. Ma così non va. Ci sono delle regole indispensabili per mantenere il paradiso delle Tremiti così come è oggi. Per questo ho già chiesto un incontro con il Parco nazionale del Gargano e spero di parlarne anche con il Ministro Costa. Bene la liberalizzazione dei trasporti di linea, avvenuta 15 giorni fa anche in Molise, bene il turismo ma rispettoso delle norme civili e dell’ambiente”.