LARINO_ Il 18 e 19 marzo 2012, nel “Larinese”, l’Ecomuseo Itinerari Frentani propone, un percorso nella festa di San Giuseppe tra canti devozionali, sapori e ospitalità della nostra gente. I centri coinvolti nell’iniziativa saranno :Guardialfiera, Casacalenda, Larino, San Martino in Pensilis, Montorio nei Frentani e Santa Croce di Magliano. A diffondere la notizia è Marcello Pastorini, dell’ Ecomuseo Itinerari Frentani.

I Partecipanti potranno immergersi nella spirituale atmosfera della festa. Da guide si presteranno le persone del posto che conoscono i riti tradizionali nei minimi dettagli, dai rappresentanti dell’Ecomuseo Itinerari Frentani e dai Cantori della Memoria che eseguiranno alcuni dei canti devozionali riferiti a San Giuseppe, leggeranno poesie di straordinari autori molisani quali Giovanni Cerri di Casacalenda e Raffaele Capriglione di Santa Croce di Magliano, racconteranno aneddoti e daranno una personale lettura al significato della festa. Non mancheranno le letture di scritti di Francesco Iovine che nel suo “ Viaggio nel Molise” scrive: “ Per S.Giuseppe, con le prime viole, il paese(Guardialfiera) inaugura la serie delle agapi fraterne. C’è in questa usanza qualche cosa di arcaico o addirittura primordiale, ma di un significato umano così profondo che mi pare degno di essere notato…”

Nel percorso sarà possibile consumare le tipiche pietanze collegate alla festa: I maccarune de San Geseppe, i scarpelle, “A pezzente”, “granturco lesso”… Lungo il tragitto, i partecipanti potranno visitare le magnifiche opere di Paolo Gamba e di Teodoro D’Errico custodite nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Montorio nei Frentani, la straordinaria Cattedrale di Larino tra gli edifici religiosi più belli d’Italia e altri monumenti e opere d’arte dei diversi centri coinvolti nel percorso strutturato dall’Ecomuseo Itinerari Frentani. Come è scritto nella poesia di Giovanni Cerri “ I tavele de San Geseppe”:” Se dente Marze vie ‘n quistu pajese, ze fa na feste che ‘n z’è viste maje; tu vive , miegne e puo’ te ne revaje a nu pajese tie senza pagà” Nella poesia di Raffaele Capriglione “ U Marauasce”, l’autore scrive: “ quanne è restrette a folle p’ogne luoche, siente e lluccà i guagliune e una voce:ppicciate u marauasce, fuoche , fuoche…” Quindi, dai nostri amati poeti, siete tutti invitati al “viaggio” tra altari, tavole e marauasce, vi aspettiamo numerosi. Di seguito è riportato il programma, su www.itinerarifrentani.it, per un approfondimento potete consultare l’articolo “ La festa di San Giuseppe, un viaggio tra altari, tavole e marauasce”. Per eventuali informazioni e iscrizioni : itinerarifrentani@hotmail.it e 3406550584.

PROGRAMMA Domenica 18 marzo: Ore 08.00: primo ritrovo a Montorio nei Frentani: visita altari e distribuzione scarpelle. ( Visita libera della Chiesa di Santa Maria Assunta con la possibilità di ammirare i dipinti di Paolo Gamba e le straordinarie opere di Teodoro d’Errico.) Ore 10.30: ritrovo a Larino presso il Tribunale, in Piazza del Popolo, e partenza per Guardialfiera.

A Guardialfiera, parteciperemo alla processione con distribuzione del Pane Benedetto e alle tavole di San Giuseppe con le tradizionali 13 pietanze…Lettura “ Viaggio nel Molise “ di Francesco Iovine. Ore 16.30: partenza per Casacalenda, alle ore 17.00 libera partecipazione alla Santa Messa presso la Casa di riposo, tradizionale visita degli altari con l’offerta alimentare di Scarpelle, maccarune ca meijeche( pasta con la mollica di pane) e il canto devozionale delle litanie eseguito dai gruppi locali( tenije)…Lettura della poesia “ I Tavele de San Geseppe “ di Giovanni Cerri.
Ore 19.30: spostamento a Larino , visita altari di San Giuseppe con rito distribuzione maccarune de San Geseppe( ca meijeche), scarpelle e “a pezzente”( minestra di legumi con fave, ceci, lenticchie, fagioli, cicerchie, alloro, cipolla e olio…Esecuzione da parte dei Cantori della Memoria del canto devozionale legato alla festa. (Visita libera della Cattedrale di Larino)
Ore 20.30: partenza per San Martino in Pensilis, visita altari e consumo tipiche pietanze.
Ore 22.30: partenza per Montorio nei Frentani: preghiere e rito della veglia degli Altari a Montorio nei Frentani e consumo semplici pietanze ( granturco lesso…), canto devozionale e cottura nelle pignatte dei legumi utilizzati il giorno successivo nella tavola di San Giuseppe.

Lunedì 19 marzo La mattina, a Montorio nei Frentani libera partecipazione alla processione di San Giuseppe e visita altari e tavole di San Giuseppe. Ore 19.30: ritrovo in Piazza Crapsi a Santa Croce di Magliano… accensione del Marauasce( falò) esecuzione del canto del Maichentò e tradizionale “ girotondo” intorno al fuoco…Lettura della poesia di Raffaele Capriglione “ U Marauasce .