Apertura ‘A BBÉFÁNE A TÉRMELE…

‘A BBÉFÁNE A TÉRMELE…

0
La befana dei vigili del Fuoco di Termoli

TERMOLI – Stamattina sto pensando di fare gli AUGURI A TUTTE LE MIE AMICHE BEFANE DI TERMOLI. Dedico a loro questo sonetto affinché l’ANNO NUOVO, sconfitto il COVID-19, possa portare loro solo GIOIA E FELICITÀ.  
E, con l’AUGURIO di BUONA EPIFANIA, che tutte le feste porta via, la BEFANA MIA, si portasse anche questa brutta PANDEMIA. 
CIAO BEFANEEE!!!!

Saverio Metere

6 Gennaio 2021: “La befana a Termoli” di Saverio Metere
Articolo precedenteRete della sinistra:«Tempi biblici per assegnazione alloggi popolari a Termoli»
Articolo successivoScuola, anche a Montenero la primaria sarà in presenza
Saverio Metere è nato a Termoli il 23 settembre del 1942. Vive e lavora a Milano dove esercita la professione di architetto libero professionista. Sposato con Lalla Porta. Ha tre figli: Giuseppe, Alessandro, Lisa. Esperienze letterarie. Oltre ad interventi su libri e quotidiani, ha effettuato le seguenti pubblicazioni: Anno 1982: Lundane da mazze du Castille, Prima raccolta di poesie in vernacolo termolese; anno 1988: I cinque cantori della nostra terra, Poeti in vernacolo termolese; anno 1989: LUNDANANZE, Seconda raccolta di poesie in vernacolo termolese; anno 1993 da Letteratura dialettale molisana (antologia e saggi estetici–volume primo); anno 1995: da Letteratura dialettale molisana (antologia e saggi estetici–volume secondo); anno 2000: I poeti in vernacolo termolese; anno 2003 (volume unico): Matizje, Terza raccolta di poesie in vernacolo termolese e Specciamece ca stá arrevanne Sgarbe, Sceneggiatura di un atto unico in vernacolo termolese e in lingua; anno 2008: Matizje in the world, Traduzione della poesia “Matizje” nei dialetti regionali italiani e in 20 lingue estere, latino e greco.

Nessun commento

Exit mobile version