Michele Salvatore con problemi psichici si è tolto la vita oggi dopo aver ucciso il fratello in nottata con 27 coltellate. Il suo corpo trovato vicino casa

GUARDIAREGIA _ Omicidio questa notte a Guardiaregia, piccolo centro vicino Campobasso. Ad essere ucciso a coltellate a pochi metri dalla porta di casa, un ragazzo di 27 anni del paese: Antonio Salvatore. Il giovane è stato finito in contrada Pagliarone nonostante la presenza del padre a poca distanza che, però, a causa dell’oscurità non ha potuto vedere chi era l’assassino.

Antonio Salvatore era da poco rientrato a casa da un lungo turno di lavoro in una azienda di Bojano ed era con il padre. Dopo un po’ e’ uscito davanti alla porta di casa dove è stato aggredito. 

Ha tentato di sfuggire all’assasino ma non ce l’ha fatta. Il corpo è stato trovato in un campo, a 150 metri dall’abitazione. “L’ho sentito urlare – ha raccontato il padre Domenico – mi sono affacciato dalla finestra ma non ho visto nulla”.

Sul caso sono in corso le indagini coordinate dalla Procura di Campobasso. Sul posto per tutta la notte c’è stato il Pm Fabio Papa. Questa mattina la svolta nel delitto di Guardiaregia. Il fratello di Antonio, Michele con problemi psichici ha confessato di averlo ucciso lui ed oggi, nella tarda mattinata, si è tolto la vita con un coltello che potrebbe essere lo stesso con cui ha ucciso Antonio.

Una tragedia a catena quella accaduta a Guardiaregia. Sembra che Michele Salvatore anni addietro, in momenti di poca lucidità, avesse già cercato con una siringa di colpire un’infermiera a Sepino. La scorsa notte è stato lui con 27 coltellate ad uccidere il fratello.