myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

Ricette molisane – La pigna

Il vero trionfo della ricette molisane sono i dolci, da quelli natalizi a quelli del periodo pasquale. Immancabile sulle nostre tavole della settimana santa la pigna decorata con glassa e codette colorate e i fiadoni al formaggio oppure con la ricotta. Ecco allora la ricetta della classica pigna e quella dei fiadoncini, forse più gustosi del “flan”, in sostanza dei piccoli rustici a forma di mezzaluna preparati con con lo stesso composto di formaggio o con quello alla ricotta.

Ricetta della Pigna di Pasqua
Ingredienti:
650g di farina 00;
3 uova;
300g di zucchero;
30g di lievito:
3 cucchiai di olio extravergine di oliva;
Una Scorza di limone grattugiato;
1/2 bicchiere di acqua con un po’ di citrato;
1/2 bicchierino di Sambuca;
Lasciare lievitare l’impasto per oltre 12 ore e cuocere al forno con cottura tradizionale per 40 minuti a 180°

Decorare la pigna di Pasqua:
150 g Zucchero a velo vanigliato;
1/2 cucchiaino di vaniglina;
Un uovo;
Codette colorate q.b.
Montare a neve il bianco dell’uovo e quando è ben sodo unite poco alla volta lo zucchero a velo setacciato assieme alla vaniglia. Aggiungete a poco a poco due cucchiai di acqua tiepida e mescolate delicatamente per 20 minuti con movimento regolare per non smontare l’uovo.
Per decorare usate una siringa per dolci.

Ricette molisane – fiadoncini al formaggio

Ricetta per i fiadoncini di formaggio:
Ingredienti per circa 100 pezzi
1 kg di farina 00;
3 uova;
Un bicchiere di olio extravergine di oliva;
Un bicchiere e 1/2 di vino bianco;
Un pizzico di sale e zucchero:

Per il ripieno:
1 Kg di formaggio misto grattugiato;
10 uova;
Un pizzico di pepe bianco e in po’ di prezzemolo;
Una bustina di lievito per rustici.

Preparazione per la pasta:
Per la pasta basta partire da una sfoglia che deve essere ben tirata. C’è chi lo fa a mano e non si sforza nemmeno troppo perché sa ben maneggiare un matterello, e chi invece preferisce aiutarsi con la cara vecchia macchinetta della pasta impostata al n.5. Terminato il tempo di riposo, stendete l’impasto e con un coppa pasta formate dei cerchi, quindi farciteli con il ripieno, posizionandone una noce al centro e chiudeteli a mezzaluna dando la forma del panzerotto. Infornare a 180° per 15-20 minuti.

Ricette molisane – fiadoncini alla ricotta

Ricetta per i fiadoncini alla ricotta.
Ingredienti per circa 100 pezzi
1 kg di farina 00;
3 uova;
Un bicchiere di olio extravergine di oliva;
Un bicchiere e 1/2 di vino bianco;
7 cucchiai di zucchero.

Per il ripieno:
500g di ricotta;
3 uova;
Una scorza di limone grattugiato;
Una bustina di lievito per dolci;
4 cucchiai di zucchero.

Preparazione per il ripieno:
Montare il tuorlo delle uova con lo zucchero utilizzando un frullatore e uniamo il composto alla ricotta, girandolo bene con un cucchiaio in modo da amalgamarlo perfettamente, e la scorza grattugiata di un limone. Infine montiamo a neve i bianchi delle uova e mischiamolo al composto aggiungendo il lievito per dolci.

Preparazione per la pasta:
Per la pasta basta partire da una sfoglia che deve essere ben tirata. C’è chi lo fa a mano e non si sforza nemmeno troppo perché sa ben maneggiare un matterello, e chi invece preferisce aiutarsi con la cara vecchia macchinetta della pasta impostata al n.5. Terminato il tempo di riposo, stendete l’impasto e con un coppa pasta formate dei cerchi, quindi farciteli con il ripieno, posizionandone una noce al centro e chiudeteli a mezzaluna dando la forma del panzerotto. Infornare a 180° per 15-20 minuti.

Articolo precedenteSettimana Santa 1946: interdetti e scomuniche
Articolo successivoS’è spenta l’ultima stella nel firmamento dell’architettura termolese: Antonio De Felice
Tony Cericola
Web designer, videomaker, editore, copywriter e blogger. Da quando è nata internet mi occupo di costruire strategie digitali per le aziende. Il mio lavoro consiste nel trovare un punto di contatto creativo tra il mondo digitale, dei social media e gli obiettivi dell’azienda, costruendo un piano strategico ed editoriale. È importante individuare gli strumenti giusti, il budget e i canali media a disposizione per non disperdere le energie.