myVideo-Metere
Interviste in diretta ai tempi del #coronavirus: da #Milano Saverio Metere

BRESSO – Vive alle porte di Milano e da mesi è recluso in casa per evitare di contrarre il Covid-19. Lui è un termolese doc ed il suo cuore è sempre nella sua città di origine. E durante l’emergenza coronavirus ha approfittato per comporre poesie e scrivere anche un nuovo libro in fase di pubblicazione. Lui è Saverio Metere, architetto, scrittore e poeta di Termoli trapiantato prima a Milano e negli ultimi anni a Bresso, comune situato ad 8 chilometri dal capoluogo lombardo.

Sono recluso in casa dal 4 marzo scorso e, questo, mi ha salvato la vita. Nel palazzo dove abito che è composto da un lotto con 4 edifici con un centinaio di famiglie, spesso c’è un cartello di una persona deceduta e vedo passare le salme. Ormai le ambulanze passano ma sembra che non accendono le sirene per evitare ulteriori drammi in chi sta già male per il coronavirus – racconta -. Tocco direttamente con mano la situazione di Milano attraverso questi momenti brutti. La zona rossa si conferma anche alla periferia, visto che questo paese conta 27 mila abitanti ma i morti, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, a fine febbraio, sono molti. Per quanto ho potuto constatare siamo nell’ordine del centinaio. Restare in casa, però, ti salva la vita. Questo periodo mi ha dato la possibilità di “combattere” il virus scrivendo poesie ed in particolare una dedicata al covid-19 ed una seconda ai nonni, quelli più colpiti dalla pandemia”.

Metere paragona il coronavirus ad una terza guerra mondiale globale senza fucili e cannoni.
Aspetto con ansia il 4 maggio nella speranza di poter tornare a Termoli – conclude -. Nel mio cuore, dalla mia città non me ne sono mai andato. Ora sto anche scrivendo un nuovo libro dal titolo: «Termoli, Napoli, Milano solo andata». Questo periodo di reclusione in casa l’ho dedicato completamente alla composizione di nuove liriche e di questa nuova pubblicazione dedicata a quelle città che rappresentano la mia vita”.

Coronavirus, myVideo: da Milano Saverio Metere

Interviste in diretta ai tempi del #coronavirus: da #Milano Saverio Metere"Sono recluso in casa dal 4 marzo scorso e, questo, mi ha salvato la vita. Nel palazzo dove abito che è composto da un lotto con 4 edifici con un centinaio di famiglie, spesso c'è un cartello di una persona deceduta e vedo passare le salme".https://mynews.it/termolese-racconta-la-pandemia-da-milano/

Posted by myNews on Monday, 20 April 2020